Elezioni del 26 maggio, ecco come si vota

93

Elezioni del 26 maggio 2019: le indicazioni utili per i votanti

 

Domenica 26 maggio i cittadini potranno recarsi ai seggi dalle ore 7.00 fino alle ore 23.00 per votare sia per le elezioni comunali sia per quelle europee.

Ma come si esprime la preferenza? Vogliamo ricordare a tutti di iniziare sin da ora a verificare di possedere la tessera elettorale, di aprirla e constatare se vi sono ancora spazi utili per apporre il timbro, e in caso negativo, di recarsi presso l’ufficio elettorale del proprio comune per richiederne in tempo utile una nuova.

Pe poter votare occorre esibire anche un documento d’identità valido.

Fatte queste premesse veniamo al voto: per le elezioni europee occorre tracciare una croce con la matita sulla lista prescelta. L’elettore può altresì esprimere voti di preferenza, fino ad un massimo di tre. Nel caso di più preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso (due uomini e una donna, oppure due donne e un uomo) pena l’annullamento della seconda e della terza preferenza. La preferenza deve essere manifestata esclusivamente per candidati compresi nella lista votata.

Le liste europee sono 15 e la scheda è di color arancione.

Per le elezioni comunali invece: occorre sempre tracciare una croce con la matita sul simbolo della lista prescelta. Si possono esprimere fino a due preferenze indicando il cognome del candidato appartenente a quella lista, ma bisogna fare attenzione perché se si esprimono due preferenze va rispettata l’alternanza di genere e quindi va indicato un uomo e una donna sempre appartenenti alla stessa lista, pena l’annullamento delle seconda preferenza.

Solo nei comuni con popolazione superiore ai 15.000 è possibile dare il voto disgiunto. Non è obbligatorio dare il voto di preferenza, il voto al candidato sindaco si trasmette automaticamente alla lista collegata.