Eolico, passa in commissione il maxiemendamento: in aula martedì?

162

NAPOLI – Sì al maxiemendamento dalla Commissione Bilancio della Regione Campania. Sì, dunque, anche all’emendamento Iannace-Bonavitacola in materia di eolico: moratoria e classificazione del territorio, come abbiamo scritto ieri in esclusiva.

Il testo dovrebbe approdare settimana prossima in aula. Forse martedì, ed è possibile che venga posta la fiducia. La commissione, presieduta da Francesco Picarone (Pd), ha approvato a maggioranza, con il voto contrario delle opposizioni, il disegno di legge Collegato alla legge regionale di Stabilità per l’anno 2016, “Prime misure per la razionalizzazione della spesa e il rilancio dell’economia campana”, ad iniziativa dell’ assessore regionale al Bilancio Lidia d’Alessio, che ha partecipato ai lavori.

“Con l’approvazione del Collegato si chiude con completezza e tempestività il ciclo degli atti di programmazione economica e finanziaria e si passa nella fase operativa per raggiungere gli obiettivi di crescita, sviluppo economico e occupazionale”, ha sottolineato Picarone, evidenziando che “la commissione ha svolto un lavoro intenso e partecipato che ha consentito di arricchire il testo originario con le proposte della maggioranza e delle opposizioni”.

“Il ddl, finalizzato alla attuazione delle linee strategiche individuate dal DEFR per l’anno in corso – si legge in un comunicato della Regione Campania -, detta misure per la razionalizzazione della spesa e il rilancio dell’economia campana, con interventi nei settori dell’agricoltura, dell’ambiente, del territorio, della cultura, del turismo, dell’edilizia sociale, tesi a stimolare l’economia campana e, quindi, l’occupazione”.

Il testo, tra le altre, contiene diverse misure.

Misure per la tutela e lo sviluppo dell’artigianato artistico, attraverso iniziative promozionali, realizzazione di inventari e archivi, corsi di formazione, partecipazione a fiere, sottoscrizione accordi con istituti scolastici, la creazione di reti di impresa anche attraverso certificazioni di qualita’, la costituzione di una task force con la partecipazione delle Università;

Misure per il commercio: contributi, mediante avviso pubblico, per la promozione e la realizzazione delle finalita’ istituzionali delle associazioni di categoria relative a piccole e medie imprese operanti nel settore commerciale, turistico e dei servizi;

modifiche legislative in materia di ambiente, agricoltura, attivita’ venatoria, di pesca e acquacultura: i proventi e i contributi derivanti dalle attività svolte presso i vivai e le foreste demaniali, nonchè presso il centro sperimentale di moltiplicazione e certificazione dei materiali vegetali, sono reinvestiti per far fronte alle spese occorrenti per l’acquisto di beni e servizi di natura corrente e di investimento per la gestione delle stese strutture; è prevista l’adozione di un nuovo prezzario per la redazione dei Piani di gestione/assestamento forestale; l’adozione della definizione di albero monumentale per la valorizzazione degli spazi verdi urbani; sono previste zone per l’addestramento dei cani da seguita su lepre e cinghiale su iniziativa delle associazioni venatorie; sono previste norme di semplificazione e di rilancio della legge regionale n.17/2013 in materia di pesca e acquacultura;

Misure in materia di piano casa, per edilizia sociale, pianificazione e contrasto abuso edilizio, programmi rigenerazione urbana: sono previsti interventi per dare impulso al piano-casa e al settore edilizio e all’economia e si prevede la riprogrammazione del fondo regionale per l’edilizia sociale per consentire nuova edificazione con particolare riferimento all’edilizia convenzionata e popolare finalizzata ad andare incontro alle esigenze delle fasce deboli; si prevedono programmi di rigenerazione urbana per migliorare la vivibilità delle città nel rispetto del principio della sostenibilità ambientale;

Misure per la mobilità sostenibile e per l’economia verde, servizio idrico integrato e piano dei rifiuti: si promuove l’utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto urbano ed extraurbano anche in combinazione con i mezzi pubblici collettivi attraverso l’adozione del Piano Regionale della mobilità ciclistica da parte della Regione; si istituisce l’Osservatorio regionale sull’Economia Verde; si promuovono l’acquisto e l’installazione da parte dei Comuni di giochi per bambini con disabilità nelle aree verdi pubbliche.

Misure in materia di impianti eolici: sono individuate le aree non idonee alla realizzazione degli impianti di produzione di energia elettrica, tra cui quelle che presentano vulnerabilità ambientali, quelle caratterizzate da rischio idrogeologico, quelle qualificate come beni paesaggistici, i Siti di Importanza Comunitaria, le aree di pregio agricolo.

Misure per lo sviluppo del settore turistico e delle strutture ricettive turistiche: è prevista l’istituzione delle Marina Resort, cioè le strutture alberghiere, turistiche, residenziali, di pernottamento e sosta per i turisti nautici;

Norme per lo sviluppo del turismo balneare: alla luce delle direttive comunitarie, si prevede che il comune rilasci e rinnovi le concessioni secondo le procedure e i criteri di cui al piano di utilizzazione delle aree del demanio marittimo (puad) e che acquisisca dall’originario concessionario una perizia di stima da cui risulti l’ammontare del valore aziendale dell’impresa insistente nell’area oggetto della concessione. Ciò al fine di salvaguardare gli attuali concessionari per gli investimenti effettuati nelle aree demaniali. E’, infatti, previsto che le domande di nuova concessione dovranno essere corredate

a pena di esclusione da atto unilaterale d’obbligo alla corresponsione di un indennizzo all’attuale concessionario pari al 90 per cento del valore oggetto della perizia.