Generazione Futura, Ferrante: Usiamo un linguaggio diverso, serve partito di persone semplici

176

LUOGOSANO – Mentre continuano gli attacchi alla segreteria provinciale del Partito Democratico e il fronte anti De Blasio si riunisce per organizzare la sfiducia all’attuale segretario provinciale, l’Associazione Generazione Futura Irpinia 3.0 interviene sul delicato momento che sta vivendo il partito di Renzi in provincia di Avellino.

“Al di là degli scontri interni – scrive il responsabile tesseramenti dell’Associazione, Nicholas Ferrante – quel che conta è il senso politico che si dà alle proprie azioni. Gli irpini, stanchi e indignati, non vogliono essere lasciati soli. Dobbiamo scegliere se il PD debba essere un pollaio da batteria oppure scegliere un linguaggio diverso.

Tutti coloro che hanno letto i giornali – continua Ferrante – si sono indignati. Il Partito Democratico sia da megafono. Si chiama democratico proprio perché è rivolto a tutti i cittadini. È di tutti. Iniziamo a dare onore alle radici delle parole. Non facciamone un uso improprio. Rendiamoci conto di quanto sia vergognoso che un giovane irpino emigrato al Nord o all’estero legga simili notizie su un giornale. Dovrebbe pensare di non venire più, di disfare le valigie. Perché le istituzioni non danno risposte ora.

Non pensiamo che condanneremmo anche questo giovane all’arrendevolezza? C’è bisogno di un partito di persone semplici – conclude il vice segretario del circolo PD di Luogosano – che vanno avanti malgrado tutto, quelli che si svegliano la mattina e, lavorando e studiando, fanno un pezzettino di storia, facendolo bene”.