Guardia Sanframondi, si parte con la lotteria in attesa di “Vinalia 2019”

42

Non solo enogastronomia, ma anche viaggi. Nell’attesa del programma definitivo di Vinalia 2019, parte la lotteria di questa XXVI edizione. Si tratta di una lotteria a tema, dato che i cinque premi previsti sono tutti legati al vino e al territorio.

Cinque le mete messe in palio e tutte per due persone che riguardano: un tour di cinque giorni a Lisbona, con due visite guidate in cantine; a seguire: due notti a Ischia, due notti nel Cilento, due a Furore e una in zona Campi Flegrei.

Cinque località ognuna con il suo fascino e in grado di impreziosire la rassegna promossa dal Circolo Viticoltori e organizzata dal Comitato Vinalia, in programma dal 4 al 10 agosto prossimi nel centro storico di Guardia Sanframondi, nell’anno in cui il territorio beneventano riceve dalla rete europea delle città del vino RECEVIN, il prestigioso riconoscimento “Sannio Falanghina Città Europea del Vino 2019”.

“Non si tratta solo di un bel tuffo nella bellezza – rileva Ildo Romano, Presidente del Circolo Viticoltori di Guardia Sanframondi – ma un’occasione che consentirà ai fortunati vincitori di toccare con mano e apprezzare le caratteristiche di sistemi produttivi che da anni investono, con rigore, sulla reputazione territoriale, ponendo un’attenzione particolare alla preservazione della bellezza esistente, migliorando i processi che lo valorizzano, quali la gestione dei rifiuti, la riduzione dei gas serra, la limitazione dell’espansione dell’eolico, il contenimento degli impatti delle operazioni infrastrutturali e la riqualificazione rurale. Un modo come un altro per guardare con occhi nuovi il nostro sistema territoriale”.

“Inoltre – aggiunge Ildo Romano – chi acquista un biglietto della Lotteria Vinalia, offre un ulteriore valore aggiunto molto importante: sostenere le manifestazioni che nascono dal basso e a cui si prospettano spazi sempre più angusti, da superare però con coraggio e intelligenza, perché si tratta di eventi unici e come pochi in grado di ricreare orizzonti di senso in una società sempre più frammentata”.