Il Benevento festeggia la vittoria

258

Il Benevento vince l’amichevole con la Roma e festeggia alla grande il suo compleanno

Il Benevento festeggia nel migliore dei modi il suo ottantanovesimo compleanno superando in amichevole al Ciro Vigorito la Roma col punteggio di 2-1.

Davanti ad una cornice di pubblico eccezionale per un’amichevole, 6.800 spettatori di cui circa 150 ospiti, le due squadre hanno fornito una buona prestazione che ha soddisfatto e divertito il pubblico presente che, come al solito, ha regalato una coreografia eccellente.

Benevento

Mr Bucchi ha schierato in campo tutti i componenti della rosa ad eccezione di capitan Maggio rimasto in panchina e Tuia nemmeno convocato per affaticamento muscolare. Nel primo tempo si è visto Gori tra i pali Gyamfi-Volta-Antei Letizia a formare la linea difensiva Nocerino dal trentesimo Del Pinto-Volpicelli-Bandinelli quella di centrocampo Ricci-Coda-Improta il tridente. Nel secondo tempo quasi tutto cambiato l’undici in campo.

Tra i pali Puggioni, Gyamfi-Billong-Antei sostituito da Sparanteo-Di Chiara a centrocampo Del Pinto-Viola-Tello in attacco Insigne sostituito da Goddard-Asencio-Buonaiuto. Mr Di Francesco ha risposto con Fuzato sostituito al 91° da Greco tra i pali, la linea difensiva composta da Karsdorp sostituito da Bucri-Jesus-Marcano-Santon a centrocampo Fazio-Coric sostituito da Simonetti-Pastore sostituito da Nigro, in avanti D’Orazio sostituito da Pezzella-Celar sostituito da Cangiano ed El Shaarawi.

Arbitro dell’incontro è stato Di Paolo di Avezzano coadiuvato da Muto di Torre Annunziata e Capaldo di Napoli. Il Benevento ha menato la danza con un goal annullato ad Improta per fuorigioco della Roma, però, ha sfiorato il vantaggio su un quasi autogoal di Volta, attento nell’occasione Gori. Nella ripresa i goal con il vantaggio del Benevento al 51° con Insigne che conclude una bella azione dei giallorossi sanniti.

Raddoppio al 76° con Asencio che appoggia in rete un bel tiro di Buonaiuto respinto da Fuzato. Al 78° il col dei romani con El Shaarawy che sfrutta una deviazione di Puggioni  troppo blanda. Fino alla fine più nulla ed al triplice fischio è festa sugli spalti del Ciro Vigorito.

Nel dopopartita mr Bucchi dice di essere contento della prestazione perchè è stata una partita vera contro un avversario di tutto rispetto nonostante le molteplici assenze. Prima della partita è stato effettuato un minuto di raccoglimento per la scomparsa del collega Antonio Buratto storica voce della Gazzetta Dello Sport a Benevento e sulla sua postazione è stato posto dai colleghi un fascio di fiori.

Armando Giordano