Immigrazione, truffa a Morcone: beccati in quattro

178

Immigrazione e reati connessi, obbligo di presentazione per quattro gestori di una struttura.

E’ il provvedimento eseguito stamane a Morcone dalla Squadra Mobile di Benevento. L’accusa è di concorso in truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico e minaccia per costringere taluno a commettere un reato.

Per questa ragione quattro persone avranno l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. A emettere la misura il Gip del Tribunale sannita, a eseguirla la Squadra Mobile di Benevento.

L’ordinanza è scaturita dagli approfondimenti investigativi a seguito delle dichiarazioni rese da un mediatore culturale. Quest’ultimo svolge il ruolo di collaboratore presso un centro di accoglienza per immigrati a Morcone, “E’ stato ripetutamente costretto ad attestare falsamente, dietro minaccia del licenziamento, la presenza di un numero di stranieri non corrispondente a quello effettivo. Il fine era di conseguire indebitamente la cifra prevista per ciascun immigrato, calcolata per ogni ospite sulle “effettive presenze giornaliere”. Ciò, nonostante per i periodi di riferimento le presenze effettive fossero inferiori a quelle falsamente attestate”.

Per mesi i quattro hanno costretto l’uomo a sottoscrivere falsi fogli di firma da depositare alla Prefettura di Benevento. Ma egli ha denunciato il sistema truffaldino architettato dai gestori della struttura. Un controllo a sorpresa della Squadra Mobile ha fatto emergere che molti ospiti erano assenti, nonostante risultasse la loro firma.

Dall’attività d’indagine è emerso un quadro indiziario solido nei confronti dei quattro. La Procura ha disposto l’analisi della documentazione sequestrata, dei tabulati telefonici delle utenze in uso agli immigrati. Le dichiarazioni del mediatore hanno trovato così pieno riscontro, facendo scattare i provvedimenti.

Quello della truffa non è un fatto nuovo. Si tratta soltanto di un risvolto connesso al fenomeno dell’immigrazione.