L’impatto del virus sulla Lega Pro e le dichiarazioni di Ghirelli

60

A margine del Consiglio Direttivo, il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, non solo ha consegnato alla FIGC lo studio circa l’impatto che il Coronavirus avrà sulla Serie C, ma ha anche espresso la sua opinione in merito alla situazione in atto.

VIRUS COME OCCASIONE

Il titolo del paragrafo lascia parecchio a desiderare, ma in effetti l’emergenza legata al Coronavirus porta con sé ovviamente degli strascichi non indifferenti, nemmeno alla Lega Pro. Ecco dunque che questa pausa e l’incertezza di ricominciare costituiscono una buona occasione per registrare alcuni potenziali ed ideali cambiamenti nell’ambito calcistico a livello nazionale. Questo il pensiero del presidente Ghirelli:

“Il Coronavirus è l’occasione per il calcio italiano per ragionare a sistema e ripensare questa disciplina nel profondo, come farla tornare ad essere uno strumento sociale utile alla collettività, come ripensare l’esperienza dello stadio e dei tifosi una volta che la crisi sarà terminata. La stagione delle riforme per il mondo del calcio  è irrinunciabile. Il Governo e il Ministro Spadafora riconoscono che il calcio è parte integrante del sistema produttivo nazionale. L’ecosistema del calcio della serie C ha bisogno di benzina per funzionare ma vuole anche proporre soluzioni per la ripresa economica, sociale ed occupazionale del Paese”. 

L’IMPATTO DEL VIRUS SUL CALCIO DELLA LEGA PRO

Numeri alla mano, dettati dallo studio eseguito da PwC TLS, indicano che l’impatto del virus sulla attuale e sulla prossima stagione della Lega Pro, va da un minimo di venti milioni ad un massimo di circa 84 milioni, a seconda del portarsi dell’emergenza. Si stimerebbe inoltre un danno pari a circa il 30% che intaccherebbe il fatturato medio annuo delle squadre, e a cui la Lega poco potrebbe porre rimedio con la concreta possibilità di default specie per i club già in difficoltà prima dell’emergenza.

A essere a rischio è inoltre ogni situazione non legata strettamente alla Lega Pro, ma alle 60 squadre che alimentano diverse attività (centri sportivi, crescita dei giovani, iniziative sociali, etc).

COME SI CALCOLA IL POTENZIALE IMPATTO

A seconda della durata dell’emergenza e secondo diversi scenari, la stima dell’impatto potrà essere più o meno ingente:

  • Scenario “porte aperte”: normale conclusione della stagione in corso con la disputa sia di play-off che di play-out.
  • Scenario “porte chiuse”: conclusione della stagione in corso con gare disputate a porte chiuse.
  • Scenario “stop al campionato”: chiusura in anticipo della stagione e ripresa delle partite, a porte chiuse, nei primi due mesi della prossima stagione.

Per ciascuno di questi casi, è stato stimato un impatto differente e derivante da fattori quali il mancato incasso al botteghino o altra sorta di eventi.

IL COMUNICATO STAMPA

Il comunicato stampa della Lega Pro è disponibile per la lettura al link che segue: https://www.lega-pro.com/wp-content/uploads/2020/03/Comunicato-Stampa-Lega-Pro-24-03-2020.pdf