Irpinia, raccolta differenziata e marketing territoriale: “l’esempio Vallesaccarda”

108

“Marketing territoriale” è certamente un’espressione che piace molto e che “riempie la bocca”, ma costituisce, di fatto, una enorme potenzialità di espansione per business ed economie locali, nonché un modo per il nostro territorio provinciale (pieno di specificità, varianti e differenze) di far conoscere se stesso creando valore.

In Irpinia, terra che vanta un’agricoltura storicamente importante per la presenza di aziende leader e competitive, la valorizzazione dei nostri prodotti tipici deve essere un volano per lo sviluppo economico delle nostre aree interne. La vera scommessa, infatti, è quella di puntare sui prodotti tipici.

“L’esempio Vallesaccarda” riguarda, appunto, il piccolo paese della Baronia che conta circa mille e trecento abitanti e, dal 2014, ha proposto un’iniziativa che continua a riscuotere successo tra commercianti, agricoltori e cittadini.

L’iniziativa del comune della Baronia prevede che in cambio di una tanica di cinque litri di olio esausto si riceve una bottiglia da 75 centilitri di olio DOP e per un chilogrammo di alluminio si ottengono un quarto di caciocavallo da 250 grammi e un barattolo di miele. Tutti prodotti preveniente dalla verde Irpinia.

Innegabile che l’idea di smaltire olio esausto e alluminio in cambio dei prodotti simbolo dell’Irpinia come caciocavallo, miele e olio, del Comune di Vallesaccarda nasconde in sé qualcosa di geniale.

«Mi sono formato seguendo la filosofia “Slow Food” – spiega il sindaco del comune, Archidiacono – ed ho provato a portare le idee di “Slow Food” in un piccolo comune come Vallesaccarda. La delibera risale al 2014 e mi fa piacere che dopo tanti anni questa particolare iniziativa si sia trasformata in normalità. L’obiettivo era sia ambientale, con lo smaltimento di oli esausti e alluminio, che di valorizzazione delle aziende locali a cui si riconosce in questo modo l’opportunità di promuovere i propri prodotti».

 

L’auspicio è quello che il progetto “Agricoltura di Comunità” promosso da Vallesaccarda venga preso ad esempio anche da altre amministrazioni. «Si può fare con pochissime risorse – conclude il sindaco – e con risultati eccellenti».

L’iniziativa richiama la nostra identità Green, non solo rispetto alla differenziata e al riciclo, ma proprio intesa nel senso di avere coscienza dei luoghi. L’Irpinia vanta un’antica tradizione in merito alla produzione di prodotti tipici, i quali vengono generalmente prodotti a livello artigianale, da aziende di piccola dimensione, a conduzione familiare o tra amici.

La necessità di individuare nuove strategie comunicative riguarda in modo particolare quei prodotti che hanno nella tipicità il proprio principale punto di forza, e che dal rapporto strettissimo con uno specifico territorio (con cui condividono storia, tradizione, simboli) traggono le proprie peculiarità in termini di “reputazione” e capacità competitiva.