“Irpino dell’Anno 2018”: tutti i premiati della XIII edizione

137

Giunge alla XIII edizione l’ormai tradizionale premio l'”Irpino dell’Anno” istituito nel 2006 dall’editore Giuseppe Bruno e dal direttore editoriale dell’emittente televisiva Canale 58 Gianni Raviele. La cerimonia di assegnazione si svolgerà il 12 ottobre alle ore 17.30 a Flumeri presso Villa Relais Imperatrice in località Tre Torri.

Conosciamo le personalità che saranno premiate nel corso della serata che gode del Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Regione Campania e della Provincia di Avellino.

Renato Carpentieri: attore e regista di successo, noto per il suo impegno sociale e per la sperimentazione nell’arte teatrale; è vincitore di numerosi premi fra cui il David di Donatello nel 2018 come miglior attore protagonista.

Dimitri Dello Buono: capo della segreteria tecnica del Ministero delle Infrastrutture e trasporti, esperto di sistemi informatici e di gestione della sicurezza e condivisione dei dati geospaziali; è membro di diversi tavoli istituzionali nazionali ed internazionali.

Giuseppe Dell’Acqua: storico collaboratore di Franco Basaglia che è stato fautore e sostenitore della riforma psichiatrica con l’istituzione dei Servizi di Salute Mentale Territoriale e la chiusura dei manicomi.

Antonio Ledezma: avvocato e politico venezuelano, cittadino onorario di Grottaminarda, leader dell’opposizione democratica al regime castro-comunista di Nicolas Maduro; Sindaco del Distretto Metropolitano di Caracas, già Governatore del Distretto Capital e due volte deputato del Parlamento venezuelano. Dopo aver subìto il carcere per due anni, oggi è in esilio e continua a viaggiare per il mondo per sensibilizzare la comunità internazionale circa la causa del Venezuela. Ha ricevuto il Premio Sacharov 2017 presso il Parlamento Europeo a Strasburgo.

Quest’anno il riconoscimento dedicato ai giovani verrà conferito a Giulia Martiniello, provetta pianista già vincitrice di numerosi concorsi.

Il premio l’Irpino dell’Anno è destinato a personalità legate all’Irpinia i quali hanno raggiunto alti traguardi di carriera o eccellenti risultati professionali ed imprenditoriali, distinguendosi per elevati meriti nei settori del sapere, della pubblica amministrazione, nelle arti e nei mestieri. Non a caso il premio raffigura la dea greca Atena, divinità tutelare della conoscenza e della saggezz: Atena, nata, secondo il racconto mitico, già adulta dalla testa di Zeus, incarnava la sapienza divina e proteggeva le arti, la letteratura e l’intelligenza creativa.