La mappa dei clan in provincia di Avellino: l’Alta Irpinia sotto la pressione della camorra

512

RED. – Ogni anno la Dia (Direzione Investigativa Antimafia) pubblica due relazioni semestrali sullo stato delle organizzazioni criminali presenti nel nostro Paese.

Nella relazione riguardante il primo semestre 2016, per ciò che concerne la provincia di Avellino, emerge un quadro criminale sostanzialmente in linea con quello degli anni precedenti.

Le aree maggiormente sottoposte alla pressione dei clan camorristici sono  il Vallo di Lauro, il Baianese, la Valle Caudina, il comprensorio Montorese-Solofrano, la zona di Ariano e l’Alta Irpinia. Il riferimento all’area geografica dell’Alta Irpinia, contenuto nella relazione della Dia, si rivela piuttosto preoccupante, trattandosi di un’area geografica storicamente lontana da particolari influenze criminali.

“Le aree del territorio provinciale che sembrano maggiormente risentire della pressione della camorra – si legge appunto nella relazione – sono il Vallo di Lauro, il Baianese, la Valle Caudina, l’Alta Irpinia, il comprensorio Montorese-Solofrano e la zona di Ariano.

Si confermano, quali gruppi più strutturati, i clan CAVA e GRAZIANO di Quindici e quello dei PAGNOZZI, sodalizio che, come evidenziato nel paragrafo precedente, sarebbe attivo anche su parte del territorio di Benevento e sulla provincia di Caserta, oltre ad estendere i propri interessi economici a Roma. Il traffico di stupefacenti e le estorsioni rappresentano anche per i gruppi locali le primarie fonti di finanziamento.

Da segnalare, ancora, come lo stato di detenzione di alcuni esponenti di rilievo della famiglia CAVA abbia inciso sugli equilibri interni dell’organizzazione. Ciononostante, i CAVA continuerebbero ad esercitare il controllo sulle attività criminali di Avellino, mantenendo forti interessi nell’agro nolano e vesuviano (comuni di San Vitaliano, Scisciano, Cicciano, Roccarainola, Cimitile, Carbonara di Nola e Saviano), area dove sarebbe operativo, attraverso una propaggine, il clan SANGERMANO, retto dai nipoti del capostipite dei CAVA. Il contrapposto gruppo GRAZIANO, oltre ad operare nel Vallo di Lauro, è presente anche nell’agro nocerino-sarnese, e può contare sulla guida di affiliati di spessore, presenti sul territorio”.

Di seguito la mappa dei clan camorristici presenti in provincia di Avellino:

clan camorristici provincia di avellino