La Sidigas Avellino travolge Cantù.

135

Avellino – Sesta giornata del girone di ritorno del campionato italiano di basket, a far visita alla Sidigas Avellino vi è la bestia nera Cantù.

Dopo la sosta forzata, causa neve, coach Pancotto cerca i due punti in casa decidendo di schierare il seguente quintetto base Richardson, Lakovic, Biligha, Dean, Ivanov , gli risponde Trincheri con Brooks, Aradori, Leunen,Tabu, Tyus.

PRIMO QUARTO: Il primo canestro della gara è di marca bianco verde, con Biligha abile a smarcarsi in area e ad appoggiare a canestro. Dopo 3 minuti di gara, purtroppo pesa l’assenza sotto canestro di Linton Johnson e Cantù conduce per 6-2. Passano i minuti, ma la Sidigas continua ad avere le polveri bagnate in attacco, dopo 5 minuti è sempre Cantù a condurre per 10-2. Lakovic, dopo 7 minuti di gara, mette fine al parziale di 12-0 di Cantù realizzando un tiro da due. La Sidigas nel primo quarto purtroppo riesce a fare quello che può contro la corazzata Cantù, la partita scivola via tra vari errori in attacco da ambo le parti, la prima frazione termina 11-16 con un tiro messo dentro da Richardson sul filo della sirena che fa impazzire il palazzetto.

SECONDO QUARTO: Si riprende e Richardson appoggia a canestro, sono solo tre i punti che dividono le due squadre (13-16). Mazzarino, Tabu e Leunen mettono dentro tre triple di fila, intervallate da un canestro da due di Hunter; il divario tecnico tra le due squadre è evidente, ma la Sidigas cerca di reggere l’urto, dopo 3 minuti di gara del secondo quarto si è sul 15-25. Lakovic cerca di dare la sveglia ai suoi mettendo dentro quattro tiri liberi; sull’appoggio di Ivanov, Cantù chiama il timeout, a 4 minuti dall’intervallo (21-25). La Sidigas con la zona aumenta i giri del motore e ora sono gli ospiti a soffrire l’inerzia della gara, prima due tiri liberi di Dean e poi una tripla di Lakovic firmano un paziale bianco verde di 11-0 portando i lupi in vantaggio di un punto a 2 minuti dall’intervallo (26-25). Un canestro da due di Ivanov e poi un’altra bomba di Lakovic allungano la striscia positiva, ad un minuto dalla fine del secondo quarto si è sul 31-25. Gli ultimi punti del secondo quarto sono un tiro libero messo dentro da Biligha, un appoggio a canestro di Aradori ed una tripla sul filo della sirena di Lakovic, si va al riposo sul 35-27.

TERZO QUARTO: Il primo canestro dopo l’intervallo è di marca ospite. Lakovic riprende da dove aveva terminato, mettendo dentro un’altra tripla, gli segue subito Ivanov, dopo due minuti del terzo quarto, la Sidigas cerca di scappare via (41-29). Anderson e Aradori cercano di suonare la carica, dopo 5 minuti di gara la Sidigas conduce +4 (41-37), quel che pesa per Avellino è la mancanza di ricambi nel reparto lunghi. Lakovic piazza dentro l’ennesima tripla della sua gara, mettendo fine al parziale canturino (44-37). Dean e Mazzarino mettono dentro la tripla, ad un minuto dal termine del terzo quarto si è sul 47-40. La terza frazione finisce con una tripla di Dean ed un canestro da due di Tabu (50-44).

QUARTO QUARTO: Il primo canestro dell’ultimo quarto è una schiacciata di Paul Biligha. Si lotta in campo con grande intensità, si lotta sotto i ferri, Biligha è un leone indomito, un monumentale Ivanov è il padrone dell’aria e Dean un cane da guardia, dopo 4 minuti della quarta frazione si è sul 55-49 per la Sidigas Avellino. Lakovic piazza l’ennesima tripla della serata, a 3 minuti dal termine della gara, sono già 26 i punti per lui (58-49). Leunen con un canestro dalla lunga distanza cerca di scuotere i suoi, ma Dean, autore fino ad ora di una gara superba per intensità e carattere, mette dentro altri due punti, a due minuti dal termine si è sul 61-52 per i locali. Ormai Avellino è padrona del campo e Cantù non può più nulla, la gara termina 63-52, due punti preziosi per la salvezza dei bianco verdi.

SIDIGAS AVELLINO – FOXTOWN CANTU’ 63-52 (11-16, 35-27, 50-44, 63-52)

SIDIGAS AVELLINO: Hunter 2, Brown, Biligha 7, Lakovic 27, Richardson 8, Spinelli, Ivanov 9, Ianuale, Dragovic, Ronconi, Dean 10. All. Pancotto

FOXTOWN CANTU’: Kudlacek, Abass, Leunen 11, Anderson, Mazzarino 6, Casella, Brooks 4, Tyus 4, Tabu 11, Aradori 10, Cusin 2, Mancinelli 4. All. Trincheri