“La Zeza” di Mercogliano dà spazio ai giovani

177

Il Carnevale è alle porte e “La Zeza” di Mercogliano si prepara a far andare in scena i giovani, gli eredi di questa preziosa tradizione

Carnevale è alle porte ed il vecchio è pronto a lasciar spazio al nuovo. E così, mentre la natura si prepara a far sbocciare i suoi fiori, a portare in strada l’emozione sempre unica dell’arte della commedia ci pensa “La Zeza” di Mercogliano.

L’Associazione sarà presente attraverso una sua delegazione, insieme agli altri carnevali irpini,  domenica a Matera, Capitale europea della Cultura 2019, in occasione di una sfilata organizzata per l’occasione dall’Unpli e dalla Provincia di Avellino e che getta le basi per una futura collaborazione.

La Zeza di Mercogliano quest’anno vanta ben 110 iscritti, e ha dato come ogni anno spazio ai giovani che si esibiranno nella rappresentazione cantata ad Avellino e a Mercogliano nei prossimi giorni: per Pulcinella- Granturco Luca Barbarisi, per Zeza Viola Luciano Foglia, per Don Nicola Davide Di Grezia, per Vicenzella Sergio Damiano, per il Marinaio Ciro Brosca, per Don Fabrizio Giuseppe Dello Russo.

Presente all’evento “Gli Stati Generali della Zeza” a Montoro lo scorso 15 febbraio, la Zeza di Mercogliano ha dato spettacolo attraverso una rappresentazione dal vivo ed un laboratorio sulla lavorazione degli oggetti e costumi tipici.

Domenica 24 febbraio dopo la tradizionale sfilata per le strade di Mercogliano, la Zeza si recherà a Serino con più di 100 figuranti che si esibiranno nella manifestazione organizzata dal Princeps Irpino.

Domenica 3 marzo di mattina la partecipazione come ogni anno al raduno dei Cento Carnevali Irpini al Corso Vittorio Emanuele, mentre il pomeriggio ale ore 14,30 a Torelli di Mercogliano la rappresentazione con l’accoglienza a cura dell’Associazione Giovani Torelli.

Martedì 5 marzo sia nella mattinata che nel pomeriggio la parata della Zeza per le strade della città chiude il Carnevale.

Mario Cerchione, presidente del’Associazione si dichiara soddisfatto anche quest’anno per il lavoro svolto da tutti i partecipanti, a partire dal più giovane di 5 anni, per arrivare al più anziano, di anni 84: «Un rigraziamento doveroso va come sempre alle Suore Salesiane di Capocastello che ogni anno mettono a disposizione il salone dell’oratorio per le prove e  tutte le altre attività, contribuendo così alla buona riuscita della manifestazione».

Mercogliano