Lacedonia, i Mercatini e i ragazzi della Comunità: tenerezza e partecipazione

194

LACEDONIA – Dipinti appesi alle pareti. Un leone, un campo di calcio, fiori in un vaso, mani colorate.

Sono alcuni dei disegni realizzati dai ragazzi della Comunità Alloggio “Casa Figli di Dio” di Lacedonia e messi in mostra durante i Mercatini di Natale, organizzati dalla Pro Loco Gino Chicone di Lacedonia, che hanno preso il via nel pomeriggio di ieri, presso il Museo della Religiosità Popolare.

Se decidete di fare un giro al piano superiore (non potete sbagliare, seguite la musica e troverete la strada), ad accogliervi ci saranno i sette ragazzi che vedete in foto, ospiti della casa sita in contrada Carducci, gestita dalla Cooperativa sociale La Città della Luna (presieduta dalla dottoressa Elena Palma Silvestri) e coordinata dalla dottoressa Elena Romano. I ragazzi – Shobus (Bangladesh), Mamadou (Senegal), Jakir (Bangladesh), Lanin (Gambia), Malang (Gambia), Kalilou (Senegal) e Bira (Mali) -, adeguandosi al tema di base dei mercatini, che riguarda l’esposizione di prodotti artigianali, hanno come detto messo in esposizione e in vendita dipinti da loro stessi realizzati.

Accompagnati dalla dottoressa Angela Curcio, lacedoniese purosangue, referente psicologa e capo degli operatori all’interno della comunità, i ragazzi non si sono tirati indietro, mettendo in esposizione la propria abilità e la propria ispirazione nell’arte della pittura. Il ricavato dell’acquisto dei dipinti o delle offerte volontarie che è possibile donare andrà ai ragazzi stessi. Per loro, infatti, quei pochi spiccioli che riempiono le nostre tasche possono fare la differenza. I sette ospiti della comunità, il cui sguardo tradisce un retroterra difficile e delicato, spesso inviano aiuti in denaro ai propri familiari rimasti nei paesi d’origine.

I Mercatini di Natale rimarranno aperti fino al 6 gennaio 2016. Nei prossimi giorni andremo alla scoperta delle altre realtà presenti all’interno della mostra.