Mancano i Dirigenti Scolastici. I sindaci dell’Alta Irpinia non ci stanno: Reggenti inadeguati

150

AVELLINO – Insorgono i Comuni dell’Alta Irpinia che con una nota, a firma dei primi cittadini, chiedendo al Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico della Campania l’assunzione di un nuovo contingente di Dirigenti scolastici per garantire il regolare avvio del nuovo anno scolastico.

L’iniziativa a firma dei Sindaci di Sant’Angelo dei Lombardi, Lioni, Lacedonia, Torella dei Lombardi, Montella, Bagnoli Irpino, Calitri, Rocca San Felice, Conza della Campania, Morra De Sanctis, Nusco, Guardia Lombardi, Bisaccia, Andretta, Cairano, Calabritto, Teora,  Monteverde, Cassano Irpino, Aquilonia,  Senerchia e Villamaina.

“Gentile Responsabile Generale USR Campania – si legge nella nota – mancano poco più di 15 giorni all’inizio del nuovo anno scolastico e la situazione che si prospetta per l’avvio delle attività scolastiche nelle aree interne della nostra Regione è a dir poco preoccupante, confusa e quanto mai caotica.

Il prossimo 1 settembre circa 226 scuole campane si verranno a trovare prive di una dirigenza, visto che il nuovo blocco delle assunzioni, in attesa dell’ennesimo parere del Consiglio di Stato (che si era per la verità già tre volte pronunciato lo scorso luglio sulla medesima questione), determinerà assai probabilmente la soluzione della proroga del regime delle reggenze.

Nella sola nostra area – continuano i primi cittadini – le scuole che si trovano ad essere sprovviste di un dirigente sono circa venti, senza contare le sedi sottodimensionate che da esse in diversi casi dipendevano. Noi crediamo che questa soluzione non sia più proponibile. Non è infatti in alcun modo concepibile lasciare un’area vasta centinaia di Kmq senza alcun Dirigente titolare. Il Distretto di Sant’Angelo Lombardi, Torella dei Lombardi, Montella, Guardia Lombardi, Caposele e Lioni attualmente ha n. 2 Dirigenti titolari su n. 9 sedi vacanti normo dimensionate.

Come pensare di conferire la guida di istituti normodimensionati complessi a dirigenti già impegnati su altre scuole?

Le facciamo notare che per le peculiari condizioni morfologiche della nostra area di riferimento una singola presidenza arriva già a comprendere, dopo gli accorpamenti degli anni scorsi, fino a 6-7 paesi, distanti decine di Km gli uni dagli altri. Ad esempio, la sede scolastica di Sant’Angelo e Torella dei Lombardi, lo scorso anno si occupava della reggenza dell’IC di Guardia Lombardi-Morra De Sanctis e Rocca San Felice oltre ad occuparsi della sezione carceraria annessa; essendo ora rimasta sprovvista di DS per il pensionamento della titolare, ben sei comunità scolastiche rimarrebbero prive di una guida in grado di condurre le operazioni di avvio dell’anno scolastico.

Nell’identica situazione si trovano Fontanarosa, Lioni, Montella, Volturara, Vallata, Montecalvo, Caposele e l’insieme di paesi già associati a queste scuole o a loro volta ad esse conferiti da alcuni anni in reggenza. Un’intera area geografica vasta ed oltremodo complessa rischia di ripartire a settembre senza un dirigente scolastico titolare.

Chi si occuperà delle delicate questioni dell’organico da completare (fasi B e C delle assunzioni previste con la Buona scuola)?  A chi sarà affidata la delicata fase del completamento del Rapporto di autovalutazione e del Piano di miglioramento?  Chi dovrà occuparsi della compilazione del POF triennale e dell’emanazione delle linee guida per il potenziamento dell’organico? Chi dovrà occuparsi di tutte queste scelte di responsabilità?

Ad aggravio di tutto ciò l’impossibilità acclarata di nominare collaboratori vicari nei plessi e nelle stesse sedi in reggenza, essendosi, come le è noto, venuta a creare un’ulteriore empasse normativa per l’esonero e la retribuzione stessa di queste figure, situazione questa che il ministro Giannini in una recente intervista ha detto risolvibile solo a partire da Novembre.

In qualità di Amministratori locali, preoccupati del corretto avvio dell’anno scolastico e del buon funzionamento del sistema in tutta la nostra area di riferimento, chiediamo, in rappresentanza della nostra popolazione locale la pronta assegnazione di n.1 dirigente di titolarità per ogni sede scolastica.

Apprendiamo tra l’altro che, essendoci la copertura economica, il MEF ha autorizzato tutte le previste assunzioni a beneficio della nostra Regione e che sulla medesima questione di ordine amministrativo che blocca il completamento della procedura sia il Tar (25 sentenze), che il Consiglio di Stato (3 sentenze definitive), in sede giurisdizionale, hanno rigettato con dovizia di argomentazioni tutti i motivi di impugnazione. Lei stessa nello scorso autunno aveva garantito l’assunzione del primo gruppo di dirigenti quando si fosse provveduto alla pubblicazione della graduatoria.

Ebbene essendo la graduatoria definitiva – conclude la nota – , emendata dagli errori e con le esecuzioni di ordinanze cautelari di rettifica finalmente disponibile, ci attendiamo da parte sua una rapida soluzione della questione da noi proposta alla sua attenzione”.