Mercogliano, la replica del Sindaco sulla questione Fuochi a Torelli

98

Mercogliano, la replica del Sindaco l’Avv. Vittorio D’alessio in merito alla notizia non veritiera sui Fuochi di Torelli, apparsa sui quotidiani locali nella giornata di ieri

Questa la replica del Sindaco di Mercogliano l’Avv. Vittorio D’Alessio in merito alla falsa notizia, apparsa nella giornata di ieri su alcuni quotidiani on-line locali, circa la mancata esecuzione dei tradizionali fuochi pirotecnici della Festa di Torelli.

Mercogliano
Sindaco Avv. Vittorio DAlessio

«Chi ha fornito ai giornali false ricostruzioni dei fatti pensando di colpire l’Amministrazione ha soltanto dimostrato ancora una volta di non amare questa Città- dichiara D’Alessio – e, come accaduto in questi anni, di passare il tempo davanti ai bar a generare divisione e distruzione. Deve tirarsi fuori dalla gestione politica ed amministrativa di questo comune chi fino ad ora ha dimostrato fallimento politico, gestionale ed elettorale, dimostrando forza solo nascosto dietro profili sui social o costruendo notizie mendaci. Questa Amministrazione fin dall’ inizio ha dimostrato vicinanza alle associazioni e ai comitati nella convinzione che essi siano il cuore pulsante della città e ne sono esempio le attività che insieme stiamo mettendo su per il rilancio turistico ed economico. Dunque, non saremmo stati coerenti con la nostra gestione se avessimo negato al comitato di Torelli i tradizionali fuochi. Saremmo stati disponibili a cercare con il comitato festa una eventuale altra location per garantire lo spettacolo, tuttavia i tempi ora sono troppo stretti.

Preciso, inoltre, che nessun diniego è avvenuto da parte di questa amministrazione, anzi, nonostante la questione ricadesse nel comune di Monteforte, c’è stato un intervento del sottoscritto con il proprietario della struttura vicina all’ area interessata dai fuochi, il quale, pur disponibile a concedere l’autorizzazione, aveva posto delle garanzie a tutela della sua struttura, che, però, sono state ritenute troppo onerose per un comitato festa».

Anche il Comitato Festa S. Nicola e Sant’Antonio chiarisce la vicenda con un comunicato volto proprio a chiarire la vicenda: «Il comitato festa e gli abitanti di Torelli hanno da sempre onorato i santi patroni San Nicola e Sant’Antonio. Negli anni le difficoltà economiche e sociali non hanno fermato gli organizzatori, e con il supporto delle varie amministrazioni, i solenni festeggiamenti hanno tramandato la tradizione e il folclore.

Per i fuochi d’artificio è evidente che la tradizione negli anni ha dovuto subire dei cambiamenti dovuti alla modifica delle normative nonché modifiche urbanistiche della zona di sparo nonché alle difficoltà di reperire i fondi necessari.
In particolare, dalla tradizionale gara pirotecnica con più fuochisti si è purtroppo arrivati negli ultimi anni ad una diminuzione degli stessi fino ad arrivare ad un solo fuochista.
Arrivando ai giorni nostri, le strutture ricettive vicine al luogo di sparo hanno implementato i servizi esterni con spa e piscine nonché con gazebi facilmente infiammabili e questo comporta un rischio di assunzione di responsabilità civile e penale che il comitato non può sostenere. Si precisa che l’amministrazione e l’ufficio tecnico non hanno negato alcuna autorizzazione, anzi si stanno adoperando per garantirne il buono svolgimento.
Questo non deve far finire la tradizione e nei prossimi anni cercheremo di trovare un luogo idoneo e sicuro per svolgere i tradizionali fuochi d’artificio. Chiediamo quindi un ulteriore supporto sia all’amministrazione che ai cittadini per far sì che la nostra festa possa essere un momento di cultura, condivisione e svago.
Con l’occasione ringraziamo tutti gli esercenti attività commerciali, le strutture ricettive e i cittadini, che negli anni hanno supportato le nostre iniziative ed invitiamo tutta la collettività a partecipare ai solenni festeggiamenti dal 1 al 3 Agosto».