Mercogliano, la Zeza lascia tutti contenti

68

Mercogliano, la Zeza di Mercogliano tira le somme di questo Carnevale 2019 ed esclama a gran voce: “E nci simmo tutti contienti”

La Zeza di Mercogliano è orgogliosa anche quest’anno del successo di pubblico ottenuto durante tutte le sue uscite programmate per il Carnevale 2019.

L’ampia partecipazione di pubblico sia ad Avellino che per le strade di Mercogliano ha creato un’atmosfera davvero unica, dove il coinvolgimento è stato forte e contagioso.

Martedì grasso, al Viale San Modestino, tanti hanno preso parte alla rappresentazione della Cantata di Zeza e del Ballo Intreccio che ha chiuso coinvolgendo tutti nel ballo e nel canto.

Zeza

Il momento più atteso da bambini e adulti è stato sicuramente quello del passaggio sotto il corridoio di intrecci fioriti, al ritmo di musica sempre crescente, come  un gesto propiziatorio carico di emozione e tanto divertimento.

Inarrestabile il ballo delle pacchiane e dei cacciatori che non hanno mai avuto bisogno di prendere fiato.

Orgoglioso ed entusiasta dell’esibizione dei suoi esordienti attori il Presidente dell’Associazione Mario Cerchione: «Tutti i timori iniziali che abbiamo avuto nel mettere in scena nuovi attori sono svaniti subito nel vedere il successo di pubblico raggiunto. La Zeza di Mercogliano raccoglie sempre più consensi anche sui social, ma quest’anno non potevamo dimenticarci dei più anziani, di quelli che nel centro storico non hanno più possbilità di allontanarsi di casa e così a distanza di tanti anni abbiamo ripercorso i vicoli per regalare un sorriso ai nostri nonni. Voglio ringraziare ogni singolo cittadino per il contributo che ha voluto donare alla realizzazione di questo evento che offre come ogni anno uno spettacolo gratuito a tutti secondo il vero spirito di un’Associazione no profit».

Ma non finisce qui con La Zeza di Mercogliano, sì perchè si preannnunciano eventi per la primavera che celebreranno questa tradizione secolare così da lasciare un segno indelebile a memoria di tutte le future generazioni. E riprendendo il testo della cantata finale non possiamo che esultare dicendo che “nci simmo tutti contienti”.