Meteo, dopo l’Epifania freddo polare: i migliori consigli

71

L’inverno non intende dare tregua e anche in Campania arriverà, appena dopo l’Epifania, il freddo gelido del nord. Il freddo porterà come sempre ad un rincaro in bolletta, e bisognerà prestare maggior attenzione ai consumi e alle proprie abitudini. Una ragione in più per correre ai ripari cercando online, ad esempio sul portale di Acea, tra le offerte del gas quelle più idonee, in modo da evitare i bruschi aumenti in bolletta. Dopo le festività, è il momento di trovare i rimedi più efficaci contro il freddo in arrivo.

I rimedi contro il freddo invernale

Contro il freddo invernale la guerra si combatte sia a tavola, curando un’alimentazione adatta, che dall’esterno, e non solo coprendosi per bene. Per quello che riguarda l’alimentazione tornano particolarmente d’aiuto le zuppe calde, ottime per attivare il metabolismo e scaldare il corpo. Ma anche le tisane sono un rimedio da non sottovalutare per scaldarsi. Cannella e garofano, ad esempio, sono davvero efficaci, ma funzionano parecchio anche il finocchio e lo zenzero. Da fuori invece si può agire con pediluvi caldi e profumati, che riattivino la circolazione del sangue, oppure regalandosi ogni tanto una buona sauna o dei massaggi rinvigorenti presso una SPA di buon livello. Ed è ovvio che l’abbigliamento ha una funzione basilare, ma muoversi parecchio è ancora meglio. E quindi non devono mai mancare né le passeggiate all’aria aperta, né l’attività fisica.

I caloriferi sono i migliori alleati se…

Dentro casa i rimedi possibili sono molti. I caloriferi in casa sono fondamentali, ma devono funzionare bene o la caldaia brucia gas inutilmente. E affinché i termosifoni diano il massimo occorre che siano sempre ben puliti. Innanzi tutto bisogna eliminare la polvere che vi si accumula, soprattutto quando rimangono accesi a lungo. Un’operazione che va eseguita prima di accendere la caldaia, cominciando dalla parte posteriore, e cioè quella adiacente alla parete. Il retro dei caloriferi va pulito con un pennello apposito, chiamato pennello per radiatori, oppure con un getto di idropulitrice a vapore, avendo cura di proteggere preventivamente sia il muro che il pavimento. Poi bisogna spurgarli dell’aria residua dall’ultima accensione, e ricaricare il polmone della caldaia. Ma la pulizia accurata è solo il primo passo perché, per farli rendere al meglio, bisogna evitare di poggiarvi sopra dei panni ad asciugare, e mettere dei pannelli riflettenti tra il calorifero e il muro.

Fuori casa come coprirsi dal freddo?

Per combattere il freddo per strada, il primo consiglio è quello di vestirsi a strati. Un ottimo sistema per gestire facilmente il passaggio tra gli ambienti riscaldati, di casa e dei negozi, e le staffilate di vento gelido, quando si va in giro per le vie della città. Per quanto, in alcune situazioni, possa essere causa di irritazioni, la lana rimane il miglior tessuto naturale per difendere la pelle dal freddo. Tra l’altro ormai molti degli indumenti intimi, realizzati in lana, hanno all’interno una parte in cotone che va a contatto con la pelle, ed evita gli arrossamenti e i pruriti. E la lana può essere sostituita anche dal cotone felpato, molto spesso, da usare soprattutto per le estremità, che sono le parti più soggette agli sbalzi termici. Infatti le mani e i piedi sono i primi a gelare, e sono le parti del corpo che vanno coperte con maggiore attenzione, per evitare le gelate e il blocco della circolazione.