Mokulu, Tavano e Gavazzi affondano l’Ascoli. Al Partenio finisce 3 a 0

29

AVELLINO – Non era uno scontro salvezza, né tantomeno un’ultima spiaggia ma era fondamentale tornare a vincere, conquistare i tre punti. E così è stato.

E’ una vittoria importante per l’Avellino che torna a vincere dopo otto turni, che non prende gol, che trova tante conferme ma soprattutto ammira, per la prima volta in questo campionato, Ciccio Tavano.

Parte male l’Avellino e per i primi 30’ in campo si vede soltanto l’Ascoli che pur avendo in mano il pallino del gioco, tuttavia, non è capace di impostare un’azione offensiva degna di nota. Poi, al 39’ la svolta. Calcio d’angolo di Tavano, Mokulu svetta su tutti e di testa fa secco Lanni. È il gol dell’1 a 0, esplode il Partenio. Altri due giri di lancette e questa volta ad illuminare il Partenio ci pensa Ciccio Tavano. Sponda di Mokulu per Insigne che serve Tavano. L’ex Empoli punta Mengoni, rientra sul destro e a giro, con una prodezza, batte Lanni. Tutti in piedi ad applaudire Ciccio che finalmente si sblocca.

È un altro Avellino e l’uno due frantuma, praticamente, l’Ascoli che da quel momento inizia a traballare paurosamente fino ad affondare ad inizio ripresa quando Gavazzi, è il 48’, con un bolide, leggermente deviato da Pecorini, supera Lanni.

Sale in cattedra l’Avellino che sfiora più volte il gol e diventa pericoloso, soprattutto, in fase di ripartenza come al 55’ con Tavano che da trenta metri colpisce la traversa.

“ Da cancellare i primi trenta minuti in cui abbiamo faticato tanto – ha detto Tesser a fine gara -. Quello della seconda parte di gara è l’Avellino che voglio”.

Lo vogliono tutti i tifosi biancoverdi, Mister!

 

TABELLINO

AVELLINO – ASCOLI 3 -0

Reti: 39′ Mokulu, 41′ Tavano; st, 3′ Gavazzi.

AVELLINO (4-3-1-2): Frattali; Biraschi, Rea (dal 27′ pt Ligi), Chiosa, Visconti; Gavazzi, Jidayi, Arini; Insigne (dal 22′ st Bastien); Mokulu (dal 27′ st Trotta), Tavano. A disp.: Offredi, Petricciuolo, Giron, D’Angelo, Zito, Soumarè. All.: Tesser.

ASCOLI (4-3-1-2): Lanni; Almici (dal 36′ st Nava), Mengoni, Canini, Pecorini; Carpani, Bellomo (dal 22′ st Addae), Altobelli; Berrettoni; Petagna, Caturano (dal 20′ st Caturano). A disp.: Svedkauskas, Milanovic, Jankto, Giorgi, Grassi, Cacia.

Arbitro: Marini di Roma1. Guardalinee: Giovanni Pentangelo della sezione di Nocera Inferiore e Edoardo Raspollini della sezione di Livorno.

Note: Spettatori 8mila circa. Ammoniti Pecorini, Berrettoni, Almici (As), Chiosa e Arini (Av) Calci d’angolo 4-6-. Recupero: pt 1′- st 3′.