Montemiletto: cinque giorni di eventi con “Vita e Arte al Castello della Leonessa”

69

Montemiletto è pronta a riappropriarsi di uno dei suoi simboli per eccellenza: l’imponente Castello della Leonessa che nei mesi scorsi è stato oggetto di un importante intervento di recupero e di riqualificazione ad opera dell’architetto Mario Pagliaro.

Il maniero, in occasione della sua riapertura, ospiterà, da lunedì 10 a venerdì 14 dicembre, “Vita e Arte al Castello della Leonessa”, kermesse che si compone di una serie di eventi artistico-culturali contornati da degustazioni di prodotti eno-gastronomici e laboratori enologici: sono previsti, infatti, incontri con eccellenze italiane del mondo della letteratura, del cinema e della musica, il tutto nell’ambito di una rassegna curata dal direttore artistico Marco Tonelli, cofinanziata dal POC Campania 2014-2020 e con il patrocinio della Regione Campania e del Comune di Montemiletto.

Gli incontri saranno intervallati da letture di brani tratti da libri degli autori o proiezione di filmati, e al contempo non mancheranno sorprese ed improvvisazioni del momento che sapranno coinvolgere il pubblico presente sintonizzandolo con l’estro e la creatività degli artisti invitati. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti. È obbligatorio prenotarsi scrivendo a prenomontemilettotazione@eventialcastello.it

Sarà quindi una cinque giorni all’insegna di cultura, arte, musica e prodotti tipici: la manifestazione intende così rafforzare l’immagine turistica di Montemiletto andando a valorizzare le eccellenze e le bellezze storiche ed ambientali di uno dei borghi più suggestivi di tutta l’Irpinia.

Il primo appuntamento sarà vissuto lunedì 10 dicembre quando Vinicio Capossela, cantautore, compositore e pianista irpino, originario di Calitri, proporrà una rielaborazione del suo libro-spettacolo “I cerini di Santo Nicola”. Martedì 11 sarà il turno di Paolo Fresu con “Dolce al palato e portatore di sogni allegri”: un incontro tra musica e parole durante il quale il trombettista sardo parlerà della sua passione per il jazz. Si prosegue mercoledì 12 con la lectio magistralis dello scrittore e storico Valerio Massimo Manfredi su “il vino tra storia e mito”.

Giovedì 13 dicembre Danilo Rea, compositore di musica jazz, presenterà il suo libro autobiografico “Il jazzista imperfetto”, mentre si chiude venerdì 14 con Pappi Corsicato: il regista napoletano dialogherà con il pubblico su questioni di arte ed estetica proiettando spezzoni dei suoi film. Gli incontri del 13 e 14 dicembre saranno preceduti da laboratori sensoriali e degustativi che consentiranno di conoscere ed apprezzare appieno due grandi vini irpini: il Fiano di Avellino e l’Aglianico.