Montemiletto, Proposta Concreta chiede un impegno fattivo del Sindaco

120

Montemiletto, sul caso delle efferate uccisioni di cani i cosiglieri di Proposta concreta chiedono al Sindaco di essere fattivo e di costituirsi parte civile nel processo

Montemiletto-  Stamane in una nota i consiglieri di Proposta Concreta Simone D’Anna e Massimiliano Minichiello hanno esplicitato la loro perplessità circa le dichiarazioni rilasciate in questi giorni dal Sindaco Agostino Frongillo sulla questione animalista e manifestano l’esigenza a nome dei cittadini di veder dietro queste le dichirazioni fatte, l’adozione di  misure concrete a tutela del benessere di tutta la comunità e dei suoi fedeli amici a quattro zampe.

Queste le parole dei consiglieri di Proprosta Concreta: «A seguito delle Montemilettorecenti vicende che hanno riguardato le efferate uccisioni di cani nel nostro comune nonché di quanto è stato fino ad ora detto su tali avvenimenti vogliamo sottolineare alcuni aspetti partendo proprio dal presunto “rammarico” da parte del Sindaco per quanto è avvenuto, ebbene ci dispiace dirlo ma purtroppo tale sentimento o non è stato ben esternato oppure è stato mal percepito, di sicuro possiamo dire che il nostro Sindaco non ha mai speso una parola a difesa degli animali.

Come cittadini e come consiglieri non ricordiamo una sua particolare indignazione a partire dal primo avvenimento noto, e cioè dal piccolo Fiume, il cane impiccato sotto un ponte in località Isca del Mulino, in quel caso il nostro paese ebbe la vicinanza del  Sindaco di Baiano e l’aiuto del Riposo di Snoopy ma sicuramente non quella del sindaco di Montemiletto, come non ci sembra che lo stesso abbia mai speso una sola parola per un altro fatto altrettanto inquietante avvenuto a gennaio dello scorso anno sempre a Montemiletto quando un nostro concittadino uccise in modo barbaro un altro cane con un laccio alla gola di proprietà di una ragazza vicina di casa che ebbe anche la sfortuna di ascoltare i guaiti disperati della sua povera bestia mentre veniva strangolato.

Non ricordiamo parole di particolare rammarico neanche di fronte alle teste mozzate di cinghiali rinvenute nelle campagne, anzi, la sua Giunta agli inizi del 2017 approvò una Delibera di Giunta con la quale prendevano atto della necessità espressa da parte di alcuni cittadini di poter procedere all’abbattimento dei cinghiali presenti nel territorio di Montemiletto.

Solo ora, e dopo ben tre casi consecutivi di cani ammazzati il Sindaco si è degnato di rilasciare uno scarno comunicato stampa nel quale ha espresso una lieve condanna molto probabilmente a seguito delle enormi pressioni esercitate dall’opinione pubblica che per’altro presenta anche dei contenuti poco chiari.

Vogliamo ricordare che recentemente come minoranza consiliare abbiamo presentato una Mozione con la quale abbiamo chiesto al Consiglio comunale di “costituirsi parte civile” in tutti i processi che vedranno imputati i responsabili di tali atti e che la stessa è ancora ferma al palo e abbiamo il forte timore che difficilmente verrà discussa, se veramente il Sindaco si sente rammaricato per quanto accaduto e vuole difendere l’immagine e l’onore del nostro paese allora porti la questione al primo Consiglio comunale utile così come stabilito dal Regolamento comunale e non dopo le elezioni.

Non possiamo sottacere neanche il fatto che lo scorso anno abbiamo presentato un’altra Mozione insieme all’associazione SOS Natura per la realizzazione di un “Rifugio per cani e gatti” in onore proprio del piccolo Fiume e il Sindaco e la sua amministrazione l’hanno inspiegabilmente BOCCIATA nonostante avessimo provato a trovare ogni possibile soluzione alternativa condivisa, a questo si aggiunge anche il fatto che a distanza di un anno il comune non ha ancora provveduto a pubblicare tale Delibera di Consiglio tanto che abbiamo chiesto l’intervento del Prefetto.

Sempre riguardo al sindaco rammaricato, lo stesso che qualche anno fa si era presentato con la fascia tricolore all’inaugurazione di uno Zoo privato in provincia di Benevento ma in ordine agli ultimi episodi lo stesso ha recentemente dichiarato “Voglio ricordare che è di questi giorni un protocollo d’intesa con la Guardia Rurale Ausiliare, che, tra le sue attività, si occupa anche di monitoraggio del territorio al fine di prevenire e individuare fenomeni di maltrattamenti di animali” ebbene sul punto abbiamo provato a verificare la veridicità delle sue affermazioni direttamente con i diretti interessati i quali ci hanno detto che non hanno mai stipulato alcuna convenzione col comune di Montemiletto e che probabilmente non ne potrebbero neanche fare una ma anche di non aver mai discusso con i diretti interessati di questa eventuale possibilità».