Montemiletto: teatro, musica e danza per celebrare la Giornata della Memoria

167

Domenica 27 gennaio – anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz ad opera delle truppe dell’Armata Rossa – si celebra la Giornata della Memoria istituita nel 2005 dall’ONU per commemorare le vittime dell’Olocausto. Per l’occasione il Castello della Leonessa di Montemiletto, a partire dalle ore 18.00, ospiterà una rappresentazione teatrale intitolata “(R)Esistenze, una vita in terza classe”.

Una cornice d’eccezione per ospitare un evento che intende stimolare una profonda riflessione su uno degli eventi più drammatici del XX secolo attraverso la recitazione, la musica e la danza. Arte e cultura, dunque, per continuare a tenere vivo, dopo oltre settanta anni, il ricordo di ciò che è stato: una storia non facile da ricordare né da raccontare, ma che deve interrogare mettendo a nudo la bestialità e gli orrori di cui l’uomo può essere capace e andando a instillare nelle nuove generazione il ripudio per ogni forma di odio e violenza nonché il desiderio per un mondo più giusto e più solidale.

(R)Esistenze, una vita in terza classe, opera diretta da Roberta Gesuè con Ilaria Scarano, Massimo Testa, Giuseppe Relmi e Rosaria Carifano, racconta la vita di Sarah, una donna di nazionalità italiana e di religione ebraica che, sopravvissuta ai campi di sterminio, si trova ad affrontare la sua seconda esistenza nei 50 anni successivi in un paese che, però, quasi preferisce dimenticare gli orrori appena vissuti.

L’evento, a ingresso libero, è organizzato dall’associazione culturale musicale “La mela di Odessa” e dall’associazione culturale “La bottega delle arti”, con il patrocinio del Comune di Montemiletto. Al termine della rappresentazione ci sarà un aperitivo con degustazione di prodotti tipici.