Montevergine, la mostra dei tesori di culto recuperati

249

Montevergine, ieri l’inaugurazione della mostra di oggetti recuperati e che rappresenta una novità a livello nazionale

Ieri 5 luglio 2018, presso il Santuario di Montevergine si è inaugurata la mostraFede e Devozione nell’arte minore dimenticata. Tesori di Culto Recuperati dai Carabinieri , promossa con il sostegno dell’Abbazia di Montevergine e realizzata in collaborazione con il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale ed il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Sarà possibile ammirare, tra gli importantissimi beni riconducibili alla storia dell’Abbazia, 130 eccezionali opere che il Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Napoli ha recuperato nel corso di attività investigative e di cui non è stata ancora accertata la provenienza.

La mostra si prefigge di consentire la pubblica fruizione di questi beni e, al contempo, permetterne il riconoscimento al fine di poterli restituire alle comunità cristiane a cui sono stati sottratti.

Presenti all’inaugurazione S.E.  il Prefetto di Avellino Dott. Maria Tirone, S.E. l’Abate ordinario di Montevergine Padre Riccardo Luca Guariglia, il Generale di brigata Fabrizio Parrulli, Comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, Dott. Del Mastro, Direttore Ministero Beni di Culto, Dott. Paolo Albano, Procuratore Capo di Isernia e coordinatore delle indagini.

Dopo i saluti del Prefetto di Avellino, che ha ringraziato i Carabinieri per aver restituito al paese opere di natura religiosa dal grande valore artistico, l’intervento del Dott. Del Mastro ha evidenziato l’aspetto fondamentale di tale iniziativa, prima in tutta Italia: la valorizzazione del bene artistico.

Tale iniziativa è stata possibile grazie al fatto che il Santuario di Montevergine è divenuto deposito giudiziario: tra i vari reperti ritrovati e a cui i carabinieri sono risaliti partendo da un furto avvenuto due estati fa’ in una piccola chiesa di Isernia ci sono calici e reliquiari cesellati, pale, tra cui una del Belgio che rappresenta il pezzo più importante.

I reperti sono in mostra a pagamento presso il Museo Abbaziale di Montevergine, e sulla nostra pagina facebook sono consultabili le foto.