Non bastano Zito e Mokulu. L’Avellino deve arrendersi ad un buon Pescara

100

PESCARA – Finisce 3 a 2 per i padroni di casa l’anticipo della 14ma giornata del campionato di serie B. L’Avellino non gioca male ma la sensazione, ancora una volta, è che la coperta biancoverde sia troppo corta, soprattutto, da un punto di vista qualitativo. La rosa non è adeguata alle aspettative della piazza e quando devi fare a meno in un sol botto, per squalifica ed infortuni, di gente come Castaldo, Rea, Tavano, Ligi e Biraschi ti accorgi che Tesser sta facendo un vero e proprio miracolo.

Anche a Pescara, l’Avellino si è affidato alla forza fisica di un Mokulu e alla compattezza di un centrocampo che sembra, oramai, aver trovato il suo equilibrio migliore. Poi al 37’ la goccia che fa traboccare il vaso e che spezza le gambe ai Lupi. Mani di Chiosa in area e calcio di rigore per il Pescara. L’Avellino va in confusione e gli abruzzesi potrebbero addirittura raddoppiare prima dell’intervallo.

L’uno due, però, si materializza ad inizio ripresa. Passano appena 7 minuti e Verre con un diagonale chirurgico, indisturbato, batte Frattali. L’Avellino reagisce e dopo dieci minuti accorcia Zito. E’ una parentesi perché il Pescara riprende in mano il pallino del gioco e con una perla di Caprari si pota sul 3 a 1. Partita chiusa? Non proprio perché l’Avellino non ci sta e attacca a testa bassa. Al 90’ Mokulu con un tap-in di testa accorcia le distanze ma non basta.

 

 

TABELLINO

Pescara – Avellino 3-2

Reti: pt 38′ Memushaj (rig.); st 7′ Verre, 17′ Zito, 33′ Caprari, 45′ Mokulu.

Pescara (4-3-1-2): Fiorillo; Zampano, Fornasier, Zuparic, Crescenzi; Memushaj, Mandragora (dal 28′ st Torreira), Verre; Benali (dal 37′ st Valoti); Lapadula, Caprari (dal 47′ st Cocco). A disp.: Aresti, Fiamozzi, Mignanelli, Selasi, Valoti, Mitrita, Sansovini. All.: Oddo.

Avellino (4-3-1-2): Frattali; Nica, Biraschi (dal 23′ pt Giron), Chiosa, Visconti; Arini, Jidayi, Gavazzi (dal 16′ st Zito); Bastien (dall’8′ st Insigne); Mokulu, Trotta. A disp.: Offredi; Nitriansky, Petricciuolo, D’Angelo, Soumarè, Napol. All.: Tesser.

Arbitro: Ros della sezione di Pordenone. Assistenti: Gori della sezione di Arezzo, D’Apice della sezione di Parma. Martinelli della sezione di Roma 2.

Note: Ammoniti: Jidayi e Mokulu (AV) Mandragora, Zuparic, Torreira, Crescenzi e Cocco(P). Angoli: 8-5. Recupero: pt 2′ – st 7′. Spettatori 6000 circa di cui 800 provenienti da Avellino.