Olimpiadi di Rio, nell’oro di Basile c’è un po’ di Cerreto Sannita

164

RIO DE JANEIRO – Grande giornata ieri per l’Italia alle Olimpiadi di Rio.

Nella seconda giornata di gare dei Giochi olimpici, infatti, sei atleti italiani hanno vinto cinque medaglie. Sono arrivati due ori: quello dello schermidore Daniele Garozzo nel fioretto individuale e quello del judoka Fabio Basile nella categoria 66kg.

Poi la ciclista Elisa Longo Borghini ha vinto il bronzo nella prova in linea di ciclismo su strada, le tuffatrici Tania Cagnotto e Francesca Dallapé hanno vinto l’argento nei tuffi sincronizzati dal trampolino da 3 metri e la judoka Odette Giuffridaha vinto l’argento nella categoria 52kg. Con la medaglia d’argento nella spada individuale vinta da Rossella Fiamingo e con quella di bronzo vinta dal nuotatore Gabriele Detti nei 400 stile libero.

Ma l’impresa del judoka Fabio Basile si arricchisce di un elemento che la rende ancora più emozionante. C’è un po’ di Sannio in quell’impresa, precisamente un po’ di Cerreto Sannita.

Infatti il nonno dell’atleta, Franco Basile, è nato a Cerreto Sannita. Poi, come tanti nostri conterranei, è emigrato per un lavoro alla Fiat. Ancora oggi a Cerreto Sannita risiedono dei parenti del campione olimpico.

Insomma, oltre alla gioia regalataci dalla sua prestazione, la piacevole sensazione di sapere che quella medaglia d’oro parla anche un po’ sannita.