Pd sannita, attacco a De Luca: Ostilità verso di noi

130

Pd sannita contro Regione.

Il Partito democratico sannita si scaglia contro l’atteggiamento della Regione nei confronti della provincia di Benevento. “Indifferenza, se non ostilità”, è l’accusa.

Di seguito, la nota diffusa dal Pd di Benevento.

“Indifferenza se non ostilità nei confronti del nostro territorio”. E’ la pesantissima accusa che il Pd sannita rivolge alla Regione e al suo governatore Vincenzo De Luca. Un attacco che arriva in conferenza stampa, dopo l’approvazione di un documento politico stilato dalla Direzione Provinciale dei democratici.

“Nelle elezioni regionali del 2015 la provincia di Benevento fu prodiga di consensi nei confronti dell’attuale governo regionale. Assegnò la maggioranza alla coalizione di Centrosinistra e, al suo interno, eleggendo il democratico Mino Mortaruolo unico rappresentante sannita in consiglio.

Il Pd di Benevento, in questi anni, ha sempre condiviso e rispettato il principio di autonomia del presidente e dell’esecutivo dal partito di riferimento. Ha difeso le scelte del vertice anche se mai conosciute né condivise ma apprese dagli organi di informazione.

Abbiamo evitato accuratamente polemiche ogni qualvolta i nostri dirigenti venivano definiti ‘anime morte’ e il Partito stesso un freno all’attività del Governo regionale.

Il nostro profilo, in modo particolare quello del nostro consigliere regionale, è stato sempre improntato al massimo rispetto ed alla più incisiva collaborazione.

In sede parlamentare e di governo, leale e generoso è stato l’apporto del nostro deputato. Nelle leggi di stabilità che assegnavano alla Regione Campania ingenti risorse per le bonifiche e per il trasporto pubblico locale. In occasione del Patto per la Campania. E in tutte le riunioni del CIPE che hanno approvato e finanziato le opere pubbliche di rilievo strategico.

A fronte di questi impegni, svolti con la massima diligenza, abbiamo registrato indifferenza se non ostilità nei confronti del nostro territorio.

I problemi della sanità, in particolare l’accorpamento dell’Azienda Ospedaliera ‘Rummo’ e del P.O. ‘Sant’Alfonso Maria dè Liguori’ di Sant’Agata dè Goti, del trasporto pubblico locale, che vede Benevento sempre più isolata dai collegamenti con il capoluogo regionale, dell’agricoltura, con l’enorme ritardo nell’erogazione dei fondi alle nostre aziende, formano oggetto di quotidiani rilievi e contestazioni da parte dei cittadini.

Il governo regionale, completamente assente su questi temi, si affida al ‘bonapartismo’ del suo Governatore i cui limiti sono stati chiaramente sanzionati dal corpo elettorale, severo giudice dell’operato della Regione.

Il Pd sannita, attraverso i suoi organismi dirigenti, intende prendere le distanze dai comportamenti del governo regionale, che mortificano il nostro territorio, e dalle scelte estranee alla nostra responsabilità.

Le tante difficoltà qui evidenziate sono ormai presenti nell’intero territorio campano, tanto che non è più rinviabile una discussione in sede regionale, da avviare con l’intero gruppo dirigente del Pd, e con le rappresentanze istituzionali della Campania.

A meno di due anni dal rinnovo del consiglio regionale si impone un deciso cambio di passo. La misura è colma. Ai proclami preferiamo i fatti. La politica urlata ed insolente non riceverà premio dagli elettori campani”.