Premio letterario “Tra le parole e l’infinito”: riconoscimento per l’irpina Emanuela Sica

130

Arriva un altro importante riconoscimento per l’irpina Emanuela Sica. Avvocato cassazionista di Guardia Lombardi, scrittrice per passione e costantemente impegnata nel sociale a difesa delle donne vittime di violenza. Nella prestigiosa Accademia areonautica militare di Pozzuoli le è stato conferito il rinomato trofeo Albo d’oro (oltre ad encomio su pergamena), nell’ambito del Premio letterario internazionale “Tra le parole e l’infinito” promosso dal Cav. Nicola Paone e giunto ormai alla XX edizione.

Emanuela Sica, con la poesia inedita dal titolo “Creati” è stata brillantemente selezionata tra i migliori autori delle precedenti diciannove edizioni del concorso.

A ritirare il premio il figlio Michele Andrea di sei anni e il marito, l’Avvocato Giosuè Davino, dirigente presso Ospedale Frangipane di Ariano Irpino.

La poesia:

Creati per mettere radici nella carne, ossa, vene, cellule nell’attesa di germogliare in corpi caldi e lucidi pensieri sottomessi al destino agrodolce nato e in un attimo prima del nostro risveglio. Creati per essere vita, battito, respiro dell’altro fluttuando nel desiderio di non perdersi anelando per sempre di appartenersi.  Creati per cucire legami resistenti alla corsa del tempo, passi indietro e in avanti tra primitiva esistenza e ideali domani con catene di cartapesta ancorati al presente. Spesso nemici di noi stessi ci condanniamo senza appello al poco, all’indifferenza che riducono l’anima in briciole becchime ideale per rapaci migratori che spolpano e disperdono chi siamo nel vento fugace di un giorno qualunque. Eppure il mondo continua a vivere anche senza di noi.

Il Premio letterario internazionale si è svolto sotto l’alto patrocinio dell’Accademia Areonautica di Pozzuoli e del Comune di Pozzuoli, Rai, Croce Rossa Italiana, Ministero della Giustizia, Confederazione Cavalieri Crociati Gran Priorato della Campania. Numerose le autorità presenti delle forze armate e dei corpi diplomatici dei Consolati, oltre a rappresentanti del mondo dello spettacolo, del giornalismo, della cultura, della tv. Ad allietare la serata l’Orchestra d’Avalos, diretta dal maestro Fabio Espasiano, che ha accompagnato le straordinarie esibizioni di artisti internazionali quali: Rosa Montano, Francesco Divito, Laura e Egidio Mastrominico.