Progetto Pilota, da De Mita acqua sul fuoco: Stiamo insieme e andiamo avanti

68

LIONI – “Recuperiamo le ragioni dello stare insieme e andiamo avanti”. Ciriaco De Mita lo ha affermato ieri, durante la riunione del Consorzio dei Servizi Sociali, a Lioni.

Una riunione nella quale si sono ulteriormente cristallizzati i rapporti di forza esistenti all’interno del gruppo dei sindaci. Rapporti originati dalla guerra dei Gal e che c’è curiosità di vedere al tavolo del Progetto Pilota. Ieri, intanto, la prima riunione dopo gli scontri a distanza ha visto i blocchi rimanere sulle rispettive posizioni. Per quanto riguarda il Cda del Consorzio, Vito Farese e Stefania Di Cicilia sono stati sostituiti da Stefano Farina e Luigi D’Angelis, con il primo in predicato di diventarne il presidente. Un nuovo, evidente colpo di De Mita, insomma.

Proprio De Mita ha voluto prendere la parola, come leggiamo da Il Mattino, affermando di essersi “dedicato a un percorso negli ultimi due anni, illudendomi che non ci fossero divisioni. Ma rifiuto le recite”, ha proseguito con evidente riferimento ai sindaci Di Cicilia e Repole. “Non nego che in Regione ci sia qualche rallentamento e qualche mancanza di responsabilità di qualcuno. Ma possiamo fare finta che non sia successo nulla e ricomporre, è una possibilità. Il Progetto Pilota deve andare avanti e andrà avanti, nessuno si illuda”.

Il tavolo del Consorzio ha cercato di non portare l’ambito politico nella discussione, ma la cosa è divenuta quasi inevitabile, e ha conseguentemente condotto alla sostituzione di due membri del Cda. Stefania Di Cicilia, sindaco di Villamaina, ha commentato: “Prendiamo atto che non c’è stato coinvolgimento territoriale e neanche coinvolgimento politico”.