Reggio – Sidigas, ecco gara 1: inizia stasera la lunga strada per la finale

120

di Marciano Santosuosso

REGGIO EMILIA – Tutto pronto al PalaBigi per ospitare l’attesissimo evento, con palla a due alle 20:45. La diretta live testuale del match anche sul nostro sito.

L’attesa sta per terminare, questa sera inizierà ufficialmente la serie (su 7 gare) che decreterà una delle due finaliste per la finale scudetto del campionato di pallacanestro italiano 2015-2016.

Da una parte la Grissin Bon Reggio Emilia, che dopo la finale persa a gara 7 (solo all’ultimo possesso della serie) l’anno scorso con il Banco di Sardegna Sassari, punta a ritornarci; dall’altra la Scandone Avellino, che mira a raggiungere un risultato storico, mai ottenuto in tutta la lunga storia della società di pallacanestro irpina. L’unica semifinale disputata dall’allora “Air Avellino” è targata 2008; un anno straordinario, che portò alla conquista della Coppa Italia, all’accesso diretto al girone di Eurolega e appunto ad una semifinale scudetto persa abbastanza nettamente contro la Virtus Roma allenata quell’anno da Ferdinando Gentile (3 a 0 in favore dei capitolini).

La serie promette scintille e spettacolo, oltre ad elevati spunti tecnici. In campo alcuni dei migliori giocatori della nostra Serie A, con alcuni confronti davvero interessanti. Primo fra tutti sicuramente quello fra l’MVP del campionato James Nunnally e il nazionale italiano Pietro Aradori, due autentici fuoriclasse e realizzatori di altissimo livello, capaci di poter risolvere una partita in ogni momento. Sul parquet anche tantissimi veterani, come Leunen e Kaukenas (entrambi allenati a Cantù da coach Pino Sacripanti) e Marques Green e Lavrinovic; la serie, quindi, potrà essere decisa anche dall’enorme esperienza di questi “professori” del basket. Inoltre, non bisogna dimenticare il confronto tutto talento fra Amedeo Della Valle e Joe Ragland, altro duello che promette di sicuro grande spettacolo. Sarà anche una partita amarcord per due ex reggiani, ora in forza alla Scandone di coach Sacripanti: Riccardo Cervi e Giovanni Pini saranno chiamati infatti a mettere da parte l’emozione per il ritorno sul campo della società che li aveva cresciuti, e giocare una serie nelle migliori condizioni possibili. Grande apporto dovrà sicuramente arrivare dalle panchine, che dovranno far rifiatare i titolari in una serie che si preannuncia molto lunga.

La Scandone dovrà cercare in queste due gare in terra reggiana di violare almeno una volta il PalaBigi; sicuramente sarà questo uno dei punti chiave della serie, considerato che la Grissin Bon ha perso una sola partita in tutto il campionato (compresi i playoff) sul proprio campo. Riuscirci magari già nella prima partita della serie sarebbe veramente il massimo per gli uomini di Sacripanti, che così potrebbero mettere un’enorme pressione per gara 2 agli uomini allenati da coach Menetti.