Rende-Avellino, le pagelle: disastro Di Paolantonio, bene Garofalo

76

La vittoria non is vedeva nelle parti di Avellino da davvero un bel pò di tempo: torna questa sera, contro il Rende, e nella gara che lo stesso Capuano aveva definito come decisiva. Solidità difensiva e tanta pazienza hanno portato alla conquista dei tre punti: sugli scudi Garofalo, mentre Micovschi e Di Paolantonio questa sera hanno lasciato davvero a desiderare. Seguono le pagelle.

DIFESA

DINI – 6 – Mai veramente impegnato: da segnalare la sua prontezza nelle uscite alte.
ILLANES – 6.5 – Un paio di interventi evitano guai peggiori. Tiene ben contro gli attaccanti avversari, sia fisicamente che in velocità.
MORERO – 6 – Nessun patema d’animo per il capitano, che gestisce anche bene l’intero reparto difensivo.
LAEZZA – 6 – Voto politico dettato dalla quasi mancata operatività di questa sera.

CENTROCAMPO

CELJAK – 6 – A volte, pochissime, va in difficoltà in fase di copertura, ma spinge bene, anche se lo fa poco. Suo un buon cross per Pozzebon che poi si è visto negare la gioia del gol da uno splendido intervento del portiere avversario.
DE MARCO – 6.5 – Una costante in tutta la gara. É sempre il primo a portare il pressing e ad agevolare la manovra offensiva proponendosi spesso e volentieri, non trovando mai però la conclusione verso lo specchio della porta.
DI PAOLANTONIO – 4.5 – Serata da dimenticare per il centrocampista ex Teramo. Sbaglia il rigore del possibile vantaggio ed è praticamente un’anima vagante in mezzo al campo, non trovando mai una posizione e la possibilità di dettare i tempi di gioco.
PARISI – 6 – Gara sufficiente, senza picchi di massima, sia negativamente che positivamente. Resta comunque uno dei più chiamati in causa nella manovra.

GAROFALO – 7 – Subentra bene ad uno spento Di Paolantonio e nel poco tempo che gioca è persino più incisivo del suo compagno di reparto, non tenendo poi conto della rete che vale i tre punti per la sua squadra.
ROSSETTI – S.V.

ATTACCO

IZZILLO – 6 – Primo tempo leggermente sottotono ma poi emerge nel secondo, almeno fino a quando non è costretto ad abbandonare il campo per un acciacco che si spera non sia nulla di grave.
MICOVSCHI – 5 – Appannato. Poche percussioni, pochi scambi con i compagni, tanta corsa a vuoto: una voce fuori dal coro.
POZZEBON – 6 – Costretto spesso a fare a sportellate con i difensori avversari, non è spesso messo in condizione di poter nuocere alla porta avversaria; quando vi riesce trova di fronte a sé un enorme Borsellini.

ALBADORO – 6 – Il suo ingresso fa si che l’Avellino aumenti un pò il ritmo. Si dimostra prezioso nella difesa di qualche pallone e nell’agevolare la manovra.
FERRETTI – 6 – Regala l’assist per la rete di Garofalo e suo questo già gli vale la sufficienza.