Rivolta detenuti, il Vescovo Battaglia comincerà dall’IPM di Airola il suo ingresso in diocesi

165

AIROLA – Domenico Battaglia, consacrato Vescovo della Diocesi di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata de’ Goti, ha annunciato che farà il suo ingresso in diocesi dall’IPM di Airola. La decisione arriva dopo la pesante rivolta di due giorni fa avvenuta nel carcere airolano (leggi qui) che ha fatto parlare del penitenziario sannita anche le tv nazionali (clicca qui) e il mondo politico italiano.

Di seguito le parole del Vescovo Battaglia:

“Confermo la mia decisione di fare il mio ingresso in diocesi, il prossimo 2 ottobre, proprio a partire dall’IPM, augurandomi che per il mio ingresso non venga abbellito nulla della verità di un luogo e di un sistema a cui occorrono anni di umanità, solidarietà e alto senso della giustizia. Ho deciso di fare il mio ingresso a partire da Airola non per compiere un gesto simbolico, ma come presenza concreta della vicinanza della chiesa e di questa concreta Chiesa di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata de’ Goti alle storie di dolore, di disagio, di errori e, insieme, di speranza. E questa chiesa vuole e deve essere presente lì, dove c’è ogni forma di disagio per provare a trasformare ogni disagio in opportunità.

Sento il desiderio di esprimere la mia più profonda vicinanza umana e di padre alle persone coinvolte nei gravi fatti dell’IPM di Airola, al personale penitenziario, in particolar modo a chi è rimasto ferito negli scontri, ma anche ai ragazzi, sia a quelli che all’interno del carcere sono stati a loro volta vittime di gesti e dinamiche decise da altri, sia a quelli che pur nel modo peggiore e privo di rispetto verso se stessi e gli altri, esprimono comunque un loro malessere. Un malessere di cui spesso tendiamo, come donne e uomini liberi, a dimenticarci. Le carceri sono per noi il luogo dell’oblio, il cassetto nascosto in cui riporre ciò che non vogliamo vedere. Nessun rispetto, invece, e nessuna solidarietà per le mafie e la cultura mafiosa che provano ad incarnare la loro spirale di morte anche nelle vite, nelle scelte e nella dignità dei più giovani, cercando adesione e manovalanza anche nelle carceri.

Tuttavia anche chi sbaglia resta uomo! Resta ragazzo! È difficile per noi ammettere che chi si macchia di certe colpe gravi sia in tutto e per tutto nostro simile. Eppure se diminuiamo il livello di umanità del colpevole introduciamo una discriminazione che già in partenza nega la giustizia. Certamente l’errore deturpa la personalità dell’individuo, ma non la distrugge, non la nega. L’obiettivo, come afferma la nostra carta costituzionale e ancor più le specifici legislazioni minorili, è l’educazione, non la pena in sé. Ma siamo veramente capaci di pensare il colpevole come persona da rispettare, promuovere ed educare? Tenere una persona imprigionata significa letteralmente tenerla in cattività. Non c’è positività, non c’è il buono possibile nell’uomo in catene, c’è la sua mortificazione e semmai una spinta ad essere peggiore. Impedire alla giustizia di diventare vendetta è la vera sfida a cui tutti, e il sistema penitenziario in particolare, siamo chiamati. «Nessuno tocchi Caino» per noi è un monito, o ancora più, un imperativo. Sappiamo tutti che la situazione penitenziaria è ormai al tracollo, sovraffollamento e condizioni interne insostenibili, sia per quanto riguarda la vita dei reclusi che per il lavoro degli operatori e degli agenti. Specie dal momento che anche un sistema importante come quello carcerario è a sua volta prigioniero di logiche politiche di stampo mercantile, orientate al budget e al risparmio delle risorse, soprattutto di quelle destinabili all’umano.”