Rivolta in carcere, il ministro Orlando: “Fatto preoccupante”. Salvini: “Solidarietà agli agenti”

175

AIROLA – La vicenda della rivolta nel carcere sannita di Airola sta facendo discutere non solo i media nazionali (leggi qui). A commentare i fatti accaduti ieri (clicca qui) nel penitenziario airolano è stato anche il Ministro di Grazie e Giustizia Andrea Orlando, affermando che la rivolta dei giovani detenuti è un fatto preoccupante.

“Cercheremo di capire che cosa è successo anche se devo dire che l’universo dell’esecuzione penale minorile è un’eccellenza che si distingue in positivo dal sistema penitenziario del paese”, ha affermato il Ministro.

Sulla questione è intervenuto duramente anche Matteo Salvini attraverso un post pubblicato sul proprio profilo facebook: “Pare che alla base della protesta ci fossero lamentele sul cibo e sulla mancanza di sigarette. Solidarietà agli agenti, dimenticati dal governo, e il rinnovo di una proposta della Lega: lavoro obbligatorio per tutti i detenuti condannati, come già accade in Austria, per ripagare la società degli oltre 200 euro che ogni carcerato ci costa al giorno”.