S. Salvatore T., morte di Luigi: le parole accorate di Mons. Battaglia

148

SAN SALVATORE TELESINO – La comunità di San Salvatore Telesino è ancora una volta sotto shock. Dopo i giorni terribili dell’omicidio di Maria, ancora dolore e sgomento per una morte assurda.

Luigi, giovane ragazzo di 16 anni, ha deciso di togliersi la vita nella maledetta serata di sabato. Nella giornata di ieri il Vescovo della Diocesi di Cerreto – Telese – Sant’Agata de’ Goti, don Mimmo Battaglia, ha deciso di recarsi a San Salvatore per portare il proprio conforto.

Questo il racconto della messa tenutasi nella chieda di Santa Maria Assunta:

Don Mimmo dopo aver saputo della morte di Luigi, ha voluto esserci e ci ha fatto onorati della sua presenza. È arrivato in parrocchia, pochi minuti prima della celebrazione della Santa Messa delle ore 11.00 e ha preso la parola, insieme a don Franco, davanti all’altare maggiore.
“A queste situazioni non possiamo dare risposte, dobbiamo invece chiederci perché…”.

Con queste parole ha sottolineato la necessità di pregare ed essere vicino alla famiglia, in questo momento difficile, e ha ribadito l’importanza della vita come simbolo di speranza per il futuro.

Commosso, a seguire, è stato l’intervento del nostro Don Franco Pezone: “Sentiamo il dovere forte di pregare per la famiglia del giovane, di trovare forza tra di noi, scossi continuamente da eventi che ci fanno soffrire. Dobbiamo trovare la forza per essere più uniti in questo momento storico non facile. Era uno dei chierichetti della nostra comunità parrocchiale, questo almeno fino a qualche anno fa. Uno dei più assidui, delicatissimo, dolcissimo. Magari parlava anche poco ma serbava grande affetto. Ultimamente lo avevo incontrato e avevo notato che non era sereno, non è riuscito ad aprirsi, speravo lo facesse. Purtroppo non è stato così”.

Ci uniamo, nella preghiera, al dolore che ha colpito la famiglia Norelli per l’improvvisa perdita del caro Luigi.
A loro siamo vicini, in questo momento difficile, confidando nell’aiuto del Signore che certamente non li lascerà soli perché Lui è sempre qui, accanto a noi, anche nel dolore e nella disperazione. Anche quando ci sembra di essere soli, contro tutto e contro tutti, il Signore è al nostro fianco e ci dice: “Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”