Sale la protesta ad Andretta, Ferrarelli “giù le mani dal belvedere”

196

ANDRETTA –  È mobilitazione nel piccolo comune dell’Alta Irpinia dove un’intera comunità promette battaglia per evitare la realizzazione dell’ennesimo impianto eolico a poche centinaia di metri dal centro abitato ed in prossimità dell’incantevole belvedere Monte Airola.

Lo hanno fatto capire tutti, ieri sera, all’incontro pubblico che si è tenuto presso l’ex Macello, indetto dai cittadini andrettesi, oramai, stanchi dell’ennesimo sopruso che apre le porte alla creazione di un nuovo insediamento eolico ad Andretta.

Mentre il Comune, infatti, ha deliberato il risanamento dell’area in prossimità del belvedere Monte Airola, la Freedom Energy srl ha iniziato i lavori per la creazione di nuovi impianti eolici bypassando, senza colpo ferire, una moratoria apparsa, mai come in questo caso, estremamente fragile.

Ad “alzare la voce” anche Massimo Ferrarelli, uno dei responsabili dell’Alta Irpinia di “Generazione Futura 3.0” l’associazione politica irpina vicina al Partito Democratico. “ È una vergogna, uno schiaffo alla comunità di Andretta e all’Amministrazione comunale che soltanto due mesi fa aveva approvato un progetto preliminare di recupero dell’area, per il consolidamento e il risanamento del Monte Airola. Basta con le chiacchiere, intervenga la politica – aggiunge Ferrarelli – almeno per modificare l’attuale procedura autorizzativa semplificata che, di fatto, consente a questi signori di installare torri mini eoliche trascorsi i 30 giorni dalla data di protocollo dei relativi progetti, indipendentemente dal parere delle Amministrazioni locali. Per quanto ci riguarda – conclude il responsabile di Generazione Futura – faremo tutto il possibile per garantire il rispetto, senza sconti per nessuno, dell’articolo 5 dello Statuto comunale e della moratoria approvata dal Consiglio regionale che prevede, appunto, la sospensione di nuovi impianti eolici”

(Foto da Andretta nel cuore)