Scandalo Acs, concluse le indagini per 6 indagati

64

AVELLINO – La Questura di Avellino ha reso noto di aver eseguito, nella giornata di ieri, le notifiche di conclusione delle indagini preliminari, emesse dalla Procura di Avellino, nei confronti di sei indagati nell’ambito dello scandalo che ha travolto la municipalizzata Azienda Città Servizi del Comune di Avellino (leggi qui).  

I destinatari delle notifiche sono – si legge nel comunicato diramato dalla Questura – G. A. A., di 64 anni, ex amministratore unico dell’Acs Srl di Avellino, per i reati di corruzione e peculato. S. M., avellinese di 46 anni per il reato di corruzione in concorso. M. B., avellinese di 43 anni per il reato di peculato in concorso. C. C. A., avellinese di 51 anni per il reato di peculato in concorso. M. R., avellinese di 48 anni per il reato di peculato in concorso. F. S., avellinese di 50 anni per il reato di corruzione elettorale.

Il provvedimento – continua il comunicato – scaturisce dalla parziale chiusura delle attività di indagine afferenti all’Acs, società in house partecipata al 100% dal Comune di Avellino, con la conferma dei capi di imputazione a carico dei primi 5 soggetti già colpiti da provvedimenti restrittivi e/o da informazione di garanzia, nonché il rinvio a giudizio anche del sesto indagato le cui prove sono state raccolte nell’ultimo periodo di attività.