Sidigas, fine del sogno. La Supercoppa va a Milano | GALLERIA

265

MILANO – Fine del sogno per la Sidigas Scandone Avellino che nella finale della Macron Supercoppa” è stata battuta dai padroni di casa dell’Olimpia Milano col risultato di 90 a 72.

Gli uomini di coach Sacripanti hanno provato, soprattutto nel primo tempo, a restare aggrappati al match ma la ricchezza e l’ampiezza del roster milanese hanno prevalso sul team irpino. La Sidigas è crollata sotto i colpi di uno scatenato Krunoslav Simon (autore di 25 punti con 30 di valutazione ed eletto Mvp della sfida) e dell’ex Fenerbache Ricky Hickman (15 punti). Serata storica per l’Olimpia Milano che grazie a questa vittoria ha conquistato la sua prima Supercoppa.

Per Avellino l’high scorer del match è stato Joe Ragland (18 punti con 12 di valutazione). Positive le prove di Retin Obasohan (12 punti e 17 di valutazione) dimostratosi un innesto importante che potrà sin da subito offrire una grossa mano ai biancoverdi e di Levi Randolph (10 punti) ripresosi da una preseason in cui non aveva particolarmente impressionato. In chiaroscuro le prestazioni dei lunghi Marco Cusin e Kyrylo Fesenko (che ha portato a casa un -1 di valutazione ed un’uscita in anticipo per limite di falli). Il cinque ucraino si è aggregato al team irpino solo mercoledì e non è ancora entrato perfettamente nei ritmi e negli schemi dei biancoverdi. È certamente questa la principale spiegazione della sua prestazione non particolarmente positiva.

Questo il commento di coach Stefano Sacripanti al termine della gara: “Abbiamo giocato contro una squadra più forte di noi, giusto dare atto a Milano e mettere questa esperienza a frutto per il futuro. Cercherò di trasmettere ai miei giocatori non la presunzione di poter vincere lo scudetto, ma di ripartire da questa gara e provare a migliorare per ridurre il gap. Noi abbiamo fatto fatica ed era evidente. Avevamo diverse difficoltà dal punto di vista tecnico. Ci abbiamo provato ma quando trovi una squadra così fisica non è facile. Troppe banalità ci hanno penalizzato. Quel meno 10 è frutto dei nostri demeriti, poi nell’arco dei 40 minuti è venuta fuori tutta la forza di Milano. Abbiamo comunque visto tante belle cose: ad esempio i tre esterni nuovi, aspettiamo di recuperare Fesenko e proviamo a giocare una pallacanestro più congeniale alle nostre caratteristiche. Al di là dell’amarezza, ci siamo battuti bene e vogliamo essere protagonisti”.

Ora la Scandone farà ritorno ad Avellino per preparare il primo impegno di campionato che li vedrà affrontare, domenica 2 ottobre sul parquet del PalaDelMauro, l’Auxilium Torino di Frank Vitucci.

DSCN2738
La Scandone approda in finale di Supercoppa dopo aver battuto Reggio Emilia
DSCN2743
I numerosi tifosi giunti da Avellino
DSCN2748
La Sidigas rincontra Milano dopo la finale di Coppa Italia dello scorso anno
DSCN2751
Coach Sacripanti carica i biancoverdi prima del match
DSCN2758
Esordio in maglia Sidigas per il centrone ucraino Kyrylo Fesenko
DSCN2763
Buona prestazione per Retin Obasohan
DSCN2766
Il Mediolanum Forum di Assago ha ospitato l’edizione 2016 della Supercoppa Italiana
DSCN2771
Krunoslav Simon ha trascinato Milano alla vittoria
DSCN2775
Secondo anno per coach Sacripanti alla guida della Sidigas
DSCN2780
Altra ottima prestazione di Joe Ragland
DSCN2787
Sidigas che esce tra gli applausi del Mediolanum
DSCN2789
Il bellissimo striscione degli ultras milanesi dedicato agli Original Fans, gruppo storico della curva sud irpina