Teramo-Avellino, le pagelle: Lupi quasi tutti sotto la sufficienza

37

Non una gara eccezionale quella dell’Avellino, che esce sconfitto dal “Bonolis” col punteggio di 1-0, subito soltanto al 90′. Un Avellino che ha provato a difendersi con le unghie e con i denti, rinunciando spesso a giocare nella metà campo avversaria; un Avellino insufficiente in toto, eccettuato il portiere Tonti, autore di una buona prestazione. Seguono le pagelle.

DIFESA

TONTI – 6.5 – Sicuro nelle uscite alte (unica dubbia quella del gol subito), bravo nelle parate a terra e tiene a galla l’Avellino parando a Bombagi il rigore che avrebbe potuto segnare il vantaggio dei padroni di casa. Ci auguriamo che non sia una prestazione isolata e che continui su questa falsariga.
ILLANES – 5.5 – Stesso voto per tutti i centrali di difesa: Bombagi e Magnaghi hanno fatto più o meno quello che volevano, ma i tre del reparto arretrato sono sempre riusciti a mettere una toppa.
MORERO – 5.5 – In aggiunta a quanto detto sopra, il capitano commette qualche scivolone in più, causando anche un rigore, parato però da Tonti.
BERTOLO – 5.5 – Qualche leggerezza di troppo in fase di possesso ed i crampi a fine partita: può essere una buona pedina per il resto della stagione.

CENTROCAMPO

CELJAK – 5.5 – Non attacca tantissimo e difende a tratti bene ed altri male: da rivedere, lui così come tutto l’Avellino.
EVANGELISTA – 5 – La prima da titolare è sempre difficile, poi se sei su un campo difficile come quello del Teramo, con i padroni di casa che hanno avuto quasi sempre il pallino del gioco, è difficile mettersi in mostra. Leggera insufficienza per lui.
DI PAOLANTONIO – 5.5 – Poche occasioni per impostare il gioco: quando è così, il faro della mediana irpina non può illuminare più di tanto.
LAEZZA – 5.5 – Aveva fatto una gran bella partita, in un ruolo che non è suo, districandosi bene tra fase di copertura ed inserimenti offensivi; paradossalmente, su un angolo perde la marcatura di Bombagi favorendo la rete dei padroni di casa.
PARISI – 5.5 – Un pò in ombra, così come tutto l’Avellino.

ROSSETTI – 5 – Entra al posto di un evanescente Evangelista, ma lui non è che incida più del suo compagno: porta qualche pallone in più in avanti, ma tutto è rimasto comunque fine a se stesso.

ATTACCO

MICOVSCHI – 5 – Davvero pochi palloni toccati, tanta corsa, di cui molta a vuoto: ha avuto serate migliori.
ALFAGEME – 5.5 – Meriterebbe quasi un sei per tutta la corsa che ci ha messo, per le energie spese, ma se sei un attaccante e non arrivi neanche una volta a calciare in porta, c’è qualche problemino.

ALBADORO – S.V.