UNIFORTUNATO, alla riscoperta delle Università telematiche

55
Rettore Acocella UniFortunato
Giuseppe Acocella Rettore UniFortunato

L’intervento del Rettore Giuseppe Acocella dell’Università Giustino Fortunato: l’emergenza Coronavirus – che minaccia il diritto allo studio all’interno del sistema universitario, consentendo con le dovute precauzioni solo lo svolgimento delle attività di verifica (esami di profitto e di laurea) – ha permesso però di riscoprire le virtù dell’insegnamento a distanza, capace di sostituire efficacemente in tutto la bontà quello frontale ed in presenza.

La trasmissione del sapere, compito primario ed essenziale insieme alla ricerca dell’unico sistema universitario nazionale, che si esplica in una molteplicità di università ciascuna dotata di specifici saperi e vocazioni culturali, può, infatti, (come accade da anni del mondo anglosassone) giovarsi della strumentazione telematica, ora invocata in Italia anche nei decreti ministeriali come rimedio assolutamente efficace in caso di sospensione delle attività didattiche.
Non è però necessario né auspicabile che la bontà delle Università telematiche e dei loro metodi venga scoperta soltanto in occasione dell’emergenza, giacché ormai nei più accreditati sistemi di formazione ed istruzione universitaria di qualità lo strumento delle lezioni a distanza (e addirittura delle attività di monitoraggio e di verifica telematica) è divenuto non solo consueto, ma addirittura vanto di quelle esperienze all’estero e per qualche Ateneo anche in Italia.

L’Università “Giustino Fortunato” ha introdotto a Benevento da un decennio queste modalità dell’avvenire, mantenendo uno standard di eccellenza, e mettendo da sempre a disposizione dell’alta formazione la qualità che essa assicura grazie all’esperienza acquisita e alla strumentazione di cui si è dotata.