Viterbese-Avellino, le pagelle: Micovschi e Parisi imprescindibili

57

Vittoria di misura e presa con i denti dall’Avellino, che va a segno in in amen nel primo tempo per poi dedicarsi alla fase difensiva e aspettando qualche contropiede, che poi non è stato sfruttato. Parisi e Micovschi si distinguono su tutti, un pò in ombra i subentrati. Seguono le pagelle in dettaglio.

DIFESA

TONTI – 6.5 – Bene tra i pali, ottimo anche in fase di uscita, specie quando impedisce a Volpe di trovare l’immediato pari.
LAEZZA – 6 – Viterbese mai propositiva sul suo lato, tant’è vero che soltanto dopo la sua uscita, Errico ha fatto il bello ed il cattivo tempo, mettendo a tratti in difficoltà, sia De Marco che Njie.
ZULLO – S.V. – Mai chiamato in causa, se non per battere qualche fallo laterale.
MORERO – 5.5 – Tiene bene la linea difensiva, ma l’errore è sempre dietro l’angolo e qualche piccola distrazione l’ha comunque avuta. Gli acciacchi fisici si sono fatti sentire ed è stato evidente; a ciò aggiungiamo l’ennesimo infortunio che lo costringe a chiudere la gara come attaccante, per non rischiare dietro.
ILLANES – 6 – Inizia molto nervoso, vedi il giallo incassato dopo pochi giri d’orologio; poi rinsavisce e conclude la sfida con maggiore cognizione di causa, utile nell’esercizio difensivo fatto dall’Avellino per la maggior parte della gara.

NJIE – 6 – Nel primo tempo lo fronteggia Errico che lo mette in difficoltà. Nel secondo tempo, si gestisce meglio, anche quando di fronte a lui c’è un peperino come Urso.

CENTROCAMPO

MICOVSCHI – 7 – Segna la rete che porta i tre punti ed è l’unico ad essere pericoloso, sprecando anche qualche palla interessante in ripartenza.
DE MARCO – 5.5 – Col passaggio al 3-4-3, è costretto a dedicarsi esclusivamente alla fase difensiva, che non sempre esegue in modo magistrale.
DI PAOLANTONIO – 6 – Bene in fase di rottura, ma poco si vede durante quella di impostazione.
PARISI – 7 – L’unico costante nella prestazione durante tutto l’arco della gara. Avanti si vede soltanto in poche occasioni, a dietro tiene bene su tutti i suoi diretti avversari.

KARIC – 5 – Voto basso ma per il semplice fatto che è un calciatore offensivo e dal suo ingresso in campo l’Avellino di offensivo non ha prodotto quasi nulla. Esce anche in anticipo, giocando soltanto una quarantina di minuti scarsi.
ROSSETTI – 5 – Non si vede praticamente mai, il numero otto in costante declino, a discapito dell’inizio boom che aveva fatto sotto la guida di Ignoffo.
SILVESTRI – S.V.

ATTACCO

CHARPENTIER – 6 – Guai se non ci fosse il francese sulla linea d’attacco dei Lupi. Anche oggi, mostra gamba ed una buona tecnica, seppur abbia davvero pochissime occasioni per timbrare il cartellino.
ALFAGEME – 6 – Aveva cominciato molto bene la sua gara, ma qualche acciacco fisico l’ha portato fuori anzitempo. Bene nel recupero e nell’assistere Micovschi in occasione della rete dell’ex Genoa.

ALBADORO – 6 – Entra con un buon piglio in campo e prova anche qualche azione personale visto il poco supporto dato dal resto della squadra. Bene così.