Mercato San Severino:“Bilancio Finanze Tributi Patrimonio” e “Affari Istituzionali ed Amministrativi”

67

 

 

 

 

 

I Consiglieri Comunali Carmine Ansalone, Eliana Landi e Francesca Landi, esprimono grande disappunto per come le commissioni: “Bilancio Finanze Tributi Patrimonio” e “Affari Istituzionali ed Amministrativi” sono state convocate dai rispettivi presidenti per le sedute del 09.11.2023. Per l’ennesima volta è stato mortificato il ruolo delle commissioni consiliari ed è stata offeso il ruolo oltre che l’intelligenza dei consiglieri di opposizione. Con una convocazione inviata a soli due giorni dai lavori i Presidenti delle commissioni consiliari “Bilancio – Finanze – Tributi – Patrimonio” e “Affari Istituzionali ed Amministrativi” convocavano le rispettive commissioni al fine di istruire, o almeno far finta, i lavori del prossimo consiglio comunale. Peccato che la documentazione utile a poter studiare, approfondire ed istruire i lavori della commissione era assolutamente mancante di atti fondamentali, quali ad esempio il documento di bilancio consolidato con la relativa nota integrativa e relazione. Apprendiamo, IN AGGIUNTA, un’ulteriore INFELICE novità del nuovo anno istituzionale, la maggioranza ritiene di convocare le commissioni “a tempo” avendo convocato la commissione Bilancio ad un’ora esatta dalla successiva commissione Affari Istituzionale. Avevamo sollevato, mesi fa, critiche sulle modalità di utilizzo delle commissioni da parte dell’amministrazione  ed oggi nostro malgrado ci troviamo a dover sollevare criticità ancor più gravi rispetto alle tempistiche ed alle convocazioni delle commissioni che testimoniano, per l’ennesima volta, la totale mancanza di volontà di collaborare allo studio delle problematiche del nostro paese. Tale modo di procedere svilisce la funzione fondamentale del lavoro in commissione vanificandolo. È un modo di procedere che esprime la confusione e l’improvvisazione di una maggioranza che non riesce a cadenzare i tempi amministrativi, incapace del governo, e che esprime la sua cifra nella inefficienza e nella dis-amministrazione.