Mercogliano, la 3dRap entra nel mercato automobilistico

81

Mercogliano, la start up grazie all’ingegnere meccanico Antonio De Stefano produrrà ricambi per auto d’epoca

L’innovazione della stampa 3D incontra il passato e, in particolare, quello di due leggende delle 4 ruote. Così le stampanti di 3DRap, la Start Up innovativa mercoglianese che esporta in 80 Paesi di tutto il mondo, dopo il successo ottenuto nel settore del Simracing, arrivano anche nell’industria automobilistica e lo fanno con la produzione di ricambi auto per due modelli d’epoca Fiat, la 127 Sport del 1980 e la Panda 30 del 1982.

Per la prima, 3DRap ha realizzato il frontalino del cruscotto, utilizzando un PLA ad alte prestazioni termomeccaniche. Aggiungendo il taglio laser alla stampa 3D, per la lastra trasparente del contagiri e del tachimetro, prodotta in policarbonato.

Mercogliano

Per la Panda 30, invece, la start up di Mercogliano, ha riprogettato e stampato il logo FIAT che, dato il posizionamento all’esterno dell’autovettura, e quindi continuamente esposto agli agenti atmosferici, è stato realizzato in ABS, materiale largamente utilizzato nell’automotive, per le sue proprietà meccaniche e la facilità di lavorazione.

“La realizzazione di tali pezzi ottenuti con la tecnologia FDM – ha spiegato l’ingegnere meccanico, Antonio De Stefano, che ha disegnato e riprogettato i ricambi per la produzione additiva -, è stata possibile mediante il processo di ingegneria inversa. Ricorrendo, inoltre, alla fotogrammetria, servizio che 3DRap offre nei casi in cui è più difficile riprodurre la forma dell’oggetto con Cad tradizionali”.

Reperire i ricambi auto, anche quelli di modelli d’epoca, non è più così difficile grazie alla stampa 3D che lavora sempre più in sinergia con il settore dell’industria automobilistica, nel quale sta assumendo un ruolo centrale. Non solo come strumento per la prototipazione, ma anche per la produzione di componenti interni o funzionalità esterne. Come nel caso di 3DRap che ha già pronte nuove partnership nel motorsport.

Tempi di progettazione velocizzati, costi competitivi e produzione di pezzi precisi e resistenti. Ma anche riduzione del materiale di scarto e personalizzazione dei componenti. Probabilmente in futuro intere auto potranno essere stampate in 3D. Intanto chi possiede una 127 Sport o una Panda 30 degli anni ’80, sa come trovare facilmente, e senza spese eccessive, i due ricambi, firmati 3DRap.

Un grande successo questo della 3DRap di Beniamino Izzo, Domenico Orsi, Antonio De Stefano, Davide Cervone e Giovanni Di Grezia, di cui la Città di Mercogliano e tutta l’Irpinia ne sono orgogliose.